Argonauts: con Giasone alla ricerca del vello d’oro

di Alberto “Doc”

 La mitologia greca è una incredibile fonte di ispirazione, ricca di imprese e storie affascianti. Così, quando vedo un gioco che tenta in qualche maniera di farle rivivere, non posso che averne stima e una naturale curiosità. Potete quindi immaginare il mio interesse quando sono incappato in Argonauts, nuovo titolo della AlcyonCreative che abbiamo conosciuto ad Essen 2014 grazie a Gothic Invasion.

L’ambientazione è quella che ben conosciamo dal mito greco, ma la riassumo brevemente per chi non la ricordasse o conoscesse: Pelia usurpa il trono di Iolco diventando re al posto di Esone, padre di Giasone. Promette però a quest’ultimo di rendergli il titolo quando sarà adulto. La promessa però non verrà matenuta e al suo posto Pelia chiede a Giasone di dimostrare di essere degno del trono andando a recuperare il Vello d’oro. Il principe allora radunerà una schiera di eroi che salperanno a bordo della nave Argo alla volta dell’isola di Colchide dove re Eeta custodisce il prezioso oggetto.

 Tutto questo si traduce in termini di gioco in un titolo cooperativo dove l’obiettivo dei giocatori sarà quello di  guida gli argonauti verso la conquista del vello per poi farli ritornare sani e salvi a Iolco senza aver perso la nave o troppi membri dell’equipaggio.
Ogni giocatore guiderà un gruppo di eroi con le loro abilità e capacità speciali. Durante la partita verrà ripercorso il viaggio dell’Argo e verranno affrontate tutte le sfide presenti nel mito che andranno da mostri a tempeste a pirati, fino all’ira degli dei.
Ad ogni turno i giocatori decidono quali eroi impiegare per affrontare la sfida che gli si para davanti, valutando se pic2526264_lgusare forza, astuzia o capacità speciali. Soprattutto considerando che i personaggi che verranno utilizzati, non saranno disponibili per essere scelti nella prova immediatamente successiva.
Un’ulteriore mano potrebbe essere fornita dagli dei se questi si interesseranno alle gesta degli argonauti e li guarderanno con favore… ma potrebbero essere anche contrariati e decidere così di ostacolare l’impresa degli eroi rendendo il tutto più difficile.

Questo titolo mette in campo davvero tante cose che mi solleticano l’entusiasmo, partendo dall’ambientazione per poi proseguire al suo aspetto cooperativo e alla gestione di un gruppo di eroi con loro abilità personali in cui trovo decisamente  interessante e strategica la parte di scelta dei personaggi per le sfide, sapendo che poi questi dovranno riposare il turno successivo e non saranno perciò disponibili.
La cosa invece che mi convince meno sono le attività da fare durante il viaggio oltre alla sfida di turno. Dalla presentazione sembra che proseguiremo lungo un percorso prestabilito affrontando semplicemente una prova dopo l’altra. Se questo fosse confermato e non ci fossero altre sfacettature o cose di cui preoccuparsi, temo che il gioco potrebbe perdere smalto velocemente dopo le prime partite. Da valutare anche quanto influiscano gli Dei nel bene e nel male. Questa aleatorietà potrebbe rendere il gioco troppo facile o troppo difficile se non ben calibrata.

L’uscita sembra prevista per Essen 2015. Sicuramente è un titolo che proverò per chiarirmi i detrattori che ho appena elencato e come sempre confido di potermi meravigliare in positivo una volta alzatomi dal tavolo.

Related Posts

  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    11
    Shares
  •  
    11
    Shares
  • 11
  •  
  •  
  •  

2 Responses to Argonauts: con Giasone alla ricerca del vello d’oro

  1. Avatar Mauro ha detto:

    Il tabellone è davvero bello!
    Chissà se il resto dei materiali sarà all’altezza?
    Doc, tu hai avuto modo di vederli? Su BGG non ho trovato nulla e sono curioso :-)

    • Doc Doc ha detto:

      Ciao Mauro, ho atteso qualche mese per vedere se mostravano qualcosa di più, ma eccetto per qualche nuovo elemento grafico, non ho visto foto che mi possano dare indicazioni sui materiali. Avendo però visto Gothic Invasion, il loro precedente titolo, credo che se i materiali si manterrranno su quella linea, la componentistica sarà discreta a mio avviso e il prezzo contenuto. Temo che ci toccherà aspettare Essen per avere una risposta definitiva a riguardo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy