Speciale party game, passare le feste con gli amici in modo divertente! …terza parte

di Daniel “Renberche”

Tanto tempo fa, nel tempo in cui le stagioni erano ancora quelle di una volta, la gente si salutava per strada, le festività erano un momento di incontro e non una mera speculazione commerciale, babbo natale non era semplicemente l’omino della coca cola e la neve tinteggiava di bianco le colline e i monti, uscivano su Gioconauta due raccolte di parole atte a rendere le festività un periodo di gaiezza e divertimento, quando invece sono usualmente il momento dell’angoscia per i regali, il fulcro di pantagrueliche e cispose mangiate, di aberranti partite ad un noto gioco d’azzardo, fino alle odiate e spregevoli parole vomitate da novelli Nostradamus.

Ecco un’altra raccolta di party game per evitare tutto questo.

Intanto, per gli smemorati, ecco le due raccolte di cui ne facevo menzione poc’anzi:

I successivi giochi sono, come al solito, privi di un ordine specifico, alcuni sono più recenti altri più vecchi.

Spyfall_bgg_coverSpyfall
Numero di giocatori: 3 – 8
Durata: 15 minuti
Editore: DV Giochi
Ti stai divertendo? Ci vai abitualmente? Ti piace quello che fai? A domande semplici come queste dovrete rispondere, e la cosa vi potrà risultare semplice o meno a seconda della situazione in cui vi trovate, perché se è quella di essere la spia non sarà di certo una passeggiata. Gioco di bluff dove il gruppo dovrà capire chi è la spia, ovvero l’unico giocatore a non avere la carta luogo comune distribuita all’inizio, e per farlo ognuno, a turno, farà semplicemente una domanda ad un altro partecipante, e la risposta darà un’indicazione se conosce il luogo o meno. Quando qualcuno pensa di aver individuato la spia indice una votazione contro quel giocatore e se era realmente la spia il gruppo vince altrimenti è sconfitta; inoltre quest’ultima può sempre rivelarsi e cercare di indovinare il luogo in cui si trova il gruppo. Ogni turno dura esattamente 8 minuti, se la spia non viene individuata guadagna lei i punti. Bisogna calibrare bene le domande, sia per non essere scoperti sia per non dare troppi indizi sul luogo in cui ci si trova; qui un articolo anteprima e a questo indirizzo il regolamento.

 

Insoliti_sospetti_bggInsoliti Sospetti
Numero di giocatori: 3 – 16
Durata: 15 minuti
Editore: Cranio Creations
Il gioco dei luoghi comuni che fa emergere le peggiori idee che si hanno delle persone. Totalmente cooperativo, un giocatore, scelto all’inizio della partita, dovrà rispondere in maniera affermativa o negativa a delle domande pescate da un mazzo apposito, in base alle suo considerazioni inerente al vero colpevole di un misfatto, tra una selezione di dodici visibili a tutti. Le domande spaziano in diversi campi tra Ascolta la musica Metal? a Paga sempre le Tasse? ed a ogni turno i giocatori dovranno escludere via via gli innocenti, cercando di farlo nel minor numero di tentativi possibili. Molto facile da apprendere e con partite veloci, spesso fonte di discussioni animate a causa dei pregiudizi che emergono. Ne avevo scritto tempo in un confronto col titolo successivo.

 

codenames_bgg_coverNome in Codice
Numero di giocatori: 2 – 8
Durata: 20 minuti
Editore: Cranio Creations
Altro gioco di parole, questa volta a squadre. Due giocatori siederanno davanti ad uno schema indicante le proprie (rosse o blu) e dall’altra parte del tavolo gli altri partecipanti dovranno riuscire a trovarle grazie al fatto che a disposizione ci sarà una griglia composta da 25 carte, ognuna indicante una parola, e che lo spymaster della propria squadra dirà una parola che sei tanto più attinente a quelle presenti, ed un numero a rappresentare quante parole secondo lui si rifanno a quella. La difficoltà non sta solo nel trovare le parole giuste, ma bisogna essere più veloci dell’altra squadra e non fare errori che potrebbero far trovare spie avversarie e ancora peggio l’assassino che determinerà la sconfitta immediata. Pochissime regole ma un gran bel gioco, che vi farà sudare freddo ve lo posso assicurare; visto che è Natale abbondo e segnalo nuovamente il link al confronto col titolo sopra.

 

jolly_roger_bgg_coverJolly Roger – Un gioco di pirateria e ammutinamenti
Numero di giocatori: 4 – 10
Durata: 30 minuti
Editore: Ares Games (distribuito da Devir Italia)
Avanti ciurma assaltiamo quel vascello! NO! Ammutinamento! Gioco semi cooperativo dove siete una banda di pirati intenta ad arraffare quanto più bottino possibile assaltando navi e porti, guidati dal Capitano e dal suo fidato Quartiermastro. Ad ogni assalto si giocheranno carte ciurma rappresentate dei cannoni, spade e timoni, nel tentativo di raggiungere la quota prevista (segreta ma ipotizzabile) dalla missione scelta, e in caso di successo si otterranno delle ricompense. Ma al Capitano spetterà la prima scelta tra le carte bottino disponibili e poi sarà il Quartiermastro a decidere come assegnare le altre, e questo potrebbe inevitabilmente scatenare dei malumori fino ad innescare un ammutinamento, dove chi lo provoca aizzerà gli altri per cercare di diventare il nuovo Capitano, con promesse e favori. Attenzione però che chi ne uscirà sconfitto rischierà anche di perdere il tesoro finora guadagnato, sempre che prima non sia stato fatto un giro a nasconderlo. Un gioco molto caciarone adatto, secondo la mia esperienza, ad un gruppo di almeno sette persone che abbiano voglia di far casino e passare una mezz’oretta in allegria; astenersi giocatori seriosi.

 

vudu_bgg_cover_traspVudù
Numero di giocatori: 3 – 6
Durata: 30 minuti
Editore: Red Glove
Perché lanciare maledizioni verso gli altri è sempre un piacere. Gioco divenuto famoso e seguito anche da delle espansioni, dove l’obiettivo sarà quello di riuscire a lanciare delle maledizioni contro gli altri giocatori, che comporteranno il dover stare in posizioni particolari (con le dita incrociate, con un occhio chiuso, in piedi) o a far fare cose del tipo starnutire prima di passare il turno, fare il verso della tartaruga o parlare in falsetto, e tutto questo per il resto della partita altrimenti il giocatore che ha lanciato la maledizione guadagnerà punti vittoria. Avanzando dei punti però ci saranno delle maledizioni che ci beccheremo inevitabilmente che renderanno il tutto ancor più caotico. Tante risate ma un gioco inevitabilmente da fare col gruppo giusto.

 

Boost! - fonte: bggBoost
Numero di giocatori: 2 – 8
Durata: 10 minuti
Editore: Cranio Creations
Gioco sulla falsariga di Dobble/Sandwich, anche qui si avrà a disposizione una scatoletta in metallo contenente carte tonde, e diverse modalità di gioco, da quella dove si deve urlare la categoria di carte appena rivelate, fino a quella dove dovrete recuperare tutte le dieci carte di una stessa categoria (animali, dolciumi, ecc). Un gioco che si rivolge ad un target per bambini ma che in realtà diverte anche gli adulti, a patto che non si facciano scrupoli ad urlare, darsi menate e spintoni per prendersi le carte senza ritegno. Il buon Canopus se ne ha fatto una scrupolosa recensione.

 

rush_bash_bgg_cover_traspRush & Bash
Numero di giocatori: 2 – 6
Durata: 30 – 45 minuti
Editore: Red Glove
La trasposizione da tavolo di Mario Kart. Quest’estate ha avuto un ottimo riscontro di favori, gioco di corse dove ogni partecipante si muoverà in una pista fatta ad inizio partita grazie alle tessere circuito, cercando di arrivare primo, il tutto lanciando missili e bombe, schivando massi, colate laviche e l’immancabile brutto muso. Meccanica semplicissima, visto che si dovrà solamente giocare una carta nel proprio turno, ma insulti assicurati. Non mancano collisioni e scontri,  vi è un regolamento speciale anche per realizzare campionati casalinghi e non. Per maggiori dettagli qui trovate un’anteprima e l’On the Board.

 

brick_party_bgg_coverBrick Party
Numero di giocatori: 2 – 9
Durata: 15 – 30 minuti
Editore: Post Scriptum
Di per se riuscire a realizzare una costruzione lego è sempre qualcosa di bello, farlo eseguendo delle istruzioni date da un vostro compagno lo rende di certo più complicato, e se a questo aggiungente che avete un tempo limitato, siete in competizioni con gli altri e magari dovete farlo ad occhi chiusi o con le dita incrociate..beh fate un po’ voi. Brick Party è questo, un gioco a coppie variabili dove avrete il compito di realizzare la costruzione o di dettare gli ordini, nel minor tempo possibile, al fine di guadagnare i punti della carta costruzione; ovviamente più difficile è e più la carta frutterà punti vittoria ma ovviamente rischierete maggiormente di restare a mani vuote. Alla fine sarà solo uno il vincitore ad elevarsi sopra gli altri, quindi ringraziate il vostro collega temporaneo ma tenetelo d’occhio.

game_crown_bgg_coverGames of Crown
Numero di giocatori: 4 – 9
Durata: 45 minuti
Editore: AEG
Gioco di diplomazia e alleanze, ogni giocatore è a capo di una casata e deve cercare come è usuale di prevalere sulle altre. Tutto è basato sulle carte e ci sono due azioni possibili durante il turno: offrire una carta per averne un’altra (anche due in realtà), attivando una fase di commercio obbligatoria per tutti i giocatori, che potranno anche offrire dei corvi in aggiunta, oppure si può giocare una delle carte, attivandone l’effetto; una di queste permette ai giocatori di menarsi, quindi vi sarà data la possibilità di sfidare un vostro avversario se anche gli altri saranno con voi, in quanto ci sarà una fase segreta di schieramento, e se non sarete stati abbastanza persuasivi, vi andrà male. In aggiunta, a seguito di questi combattimenti si potranno ottenere delle carte Quest, utili per aumentare il bagaglio di punti per il fine partita. Consiglio di giocarlo in tanti per godere maggiormente degli aspetti diplomatici del gioco.

 

between_2_cities_bgg_coverBetween two cities
Numero di giocatori: 1 – 7
Durata: 20 minuti
Editore: Stonemaier Games
Ok lo ammetto ci ho riflettuto un po’ prima di decidere se mettere questo titolo nella lista perché è abbastanza sul bordo. Si tratta di un posizionamento tessere dove si andranno a formare delle città, e le combinazioni di queste tessere forniranno i punti relativi. Fino a qua non c’è molto di festoso ma a dare uno spirito più di divertimento al gioco è il fatto che ogni giocatore costruirà non una ma due città, rispettivamente assieme giocatore di sinistra e di destra! Quindi vi è un aspetto di dialogo e interazione non indifferente, anche perché ognuno prenderà i punti della città che ne vale di meno, e quindi bisognerà calibrare per bene le scelte, per non fare una Venezia da una parte e una Rovigo dall’altra (i miei compari veneti perdonino l’allegoria). Per il resto il gioco è molto semplice, basato sul meccanismo del draft, adatto ad essere giocato in tanti, e con una durata davvero esigua, penso che il difetto principale sia forse la grafica non proprio delle migliori. Insomma non è Dixit ma una partita la si fa voltentieri.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD