The Pirate Republic: l’età d’oro dei pirati è arrivata

di Alberto “Doc” The Pirate Republic

Rieccomi, ritorno dopo un po’ di latitanza a raccontarvi cosa ho trovato di interessante in giro per il web. Beh non sono poche le cose che sono successe in questo mese di mia assenza ma direi di partire con quello che sta per concludersi su Kickstarter. Fra quanto ho visto mi sono incuriosito di The Pirate Republic, un titolo che a una settimana dal termine della campagna ha pienamente raggiunto il traguardo fissato. Vediamo meglio di che si tratta.

Siamo all’alba della pirateria che vedrà come suo punto di riferimento la città portuale di Nassau. E’ un periodo di pace e di galeoni gonfi di tesori che non possono non suscitare le mire di molti equipaggi dediti alle scorribande sui mari. Su questo scenario, il gioco ci porta su una mappa rappresetnativa del mar dei caraibi e zone limitrofe in cui i giocatori si muoveranno per per soddisfare carte obiettivo e infine tentare di realizzare l’impero della pirateria. Per fare questo è possibile affrontare il modo in modalità totalmente cooperativa, cooperativa con traditore oppure competitiva dove però l’obiettivo non sarà più quello di fodare un impero da mi ottenere maggiori punti Swagger rispetto agli avversari.

The Pirate RepublicAll’inizio del turno i giocatori sclegono uno dei famosi pirati disponibili e pescano una carta Flying Gang mission che indicherà gli obiettivi con cui vincere la partita (in modalità cooperativa). Durante il loro turno ogni giocatore ha poi una ampia varietà di azioni fra cui scegliere come abbordare galeoni, affrontare altre navi pirata, esplorare città e affrontarne le fortificazioni, recuperare equipaggio, affrontare cacciatori di pirati, soffocare gli ammutinamenti e molto altro ancora. Nel proprio turno il giocatore muove il proprio veliero aggiungendo alla velocità base quella indicata dal dado navigazione. Se nel luogo che raggiunge la nave avviene uno scontro, viene tirata l’iniziativa e poi  si danno fiato ai cannoni (qualora non ci si ritiri) tramite l’uso di carte combattimento con cui cercare di superare le difese del vascello o fortezza incontrati.

I punti swagger sono importanti in tutte le modalità in quanto permettono di migliorare le prorie statistiche come ad esempio il limite di carte che ogni giocatore può avere nella sua mano e la tipologia. Una delle maniere con cui ottenerli è risolvere carte Missioni Capitano. In alcune occasioni i giocatori dovranno inoltre affrontare carte Chaos che se non superate faranno concludere il turno del giocatore attivo.

The Pirate RepublicIl tema piratesco sembra davvero essere un evergreen. Ed infatti continua a funzionare se ben supportato da buone meccaniche. Con The Pirate Republic, ci troviamo davanti ad un titolo di media difficoltà con diverse variabili da tenere in considerazione che di sicuro non ci faranno addormentare al tavolo. Bene le tre modalità di gioco che da quanto letto dovrebbero funzionare tutte in maniera sensata. Forse più interessante la modalità cooperativa e quella con traditore con obiettivi di fine partita che cambiano fra un gioco ad un altro. A sensazione invece meno entusiasmante la versione competitiva in cui si perde qualcosina: ammetto però, e molti di voi già lo sanno, che io amo i cooperativi. Anche la longevità non dovrebbe mancare viste le tante opzioni messe sul tavolo. Ho qualche dubbio invece sulla ripetitività delle cose da fare durante il turno. Non vorrei hce alla fine, nonostante le tante azioni fra cui scegliere si propendesse per ovvie ragioni a puntare principalmente solo su alcune di queste. Per questo motivo non mi sento di promuoverlo in toto ma ritengo invece sia da mettere nei titoli da provare se capoita l’0ccasione di trovare un posto ad un tavolo.

3 Commenti a The Pirate Republic: l’età d’oro dei pirati è arrivata

  1. Pier Paolo ha detto:

    Ciao. A quanto leggo, il gameplay sembra abbastanza diverso da quello di Pirati dei Caraibi: potresti farne un brevissimo confronto? (Chiedo anche a Marco, nel caso…). Cerco da tempo un titolo definitivo sul genere…Grazie comunque.

    • Doc ha detto:

      Ciao pier paolo difficile fare un confronto senza un regolamento da leggere. personalmente ti consiglio di guardare i video che sono sulla pagina kickstarter così puoi trare direttamente le tue conclusioni ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD