Bloodborne: finalmente arriva in italia il gioco di carte

di Luca “Maledice”

Yharnam è silenziosa, gli abitanti balbettano cose senza senso e la bestia pulsa nelle tue vene, sapendo che il sogno del cacciatore è l’unica cosa che puoi ancora chiamare casa. Non ci sono speranze nei dungeon del calice, sai soltanto che l’iscrizione recitava “cerca il sanguesmunto per trascendere la caccia”, e la luna è propizia per il rituale: ma forse è tardi e sei tu la bestia a cui dare la caccia. Se non avete capito niente, forse è tempo di rinascere nel sangue con Bloodborne: il gioco di carte.

Devo confessare che erano ormai anni che volevo mettere le mani sul gioco ispirato al successo del videogioco per Playstation4 di casa From Software. Tra l’altro uno dei miei preferiti di questa generazione, e quindi potrei essere un po’ influenzato dall’hype. Ma andiamo con ordine. In Bloodborne i giocatori, da 3 a 5 (sì, non si può giocare in due), sono dei cacciatori di mostri che hanno il compito di ripulire quello che viene chiamato il Dungeon del Calice, un mondo che ricorda Lovecraft e dintorni. A disposizione tutti hanno una mano di carte composta da due armi da mischia (una mannaia da 1 di danno e un’ascia da 2 di danno), una carta pistola del cacciatore, una carta trasformazione e la carta che mai potremmo scambiare, Sogno del cacciatore.

Come setup invece si crea il mazzo incontri formato da alcuni mostri semplici e alcuni decisamente più forti, chiamati per l’appunto miniboss, messi a caso ma rispettando un equilibrio dato dallo scenario/boss. Su tutti aleggia la carta del boss finale, che oltre ad essere il mostro più forte del dungeon (ma che ve lo dico a fare) cambia i parametri di tutta la partita. Fatto questo semplice setup si può iniziare. Il gioco è molto semplice. Si rivela la prima carta del mazzo dungeon e quindi compare il mostro d’affrontare tutti assieme. Il mostro ha un certo quantitativo di vita/sangue e un’icona colorata che indica la pericolosità. I giocatori scelgono in segreto la carta che vogliono giocare dalla propria mano e quindi la rivelano contemporaneamente. Per calcolare il danno, invece, si tirano i dadi del colore indicato dalla carta, ritirando quelli che ottengono un + nel risultato e di conseguenza si somma il tutto. Il mostro fa sempre un danno ad aria e colpisce tutti i giocatori presenti nel mondo, tranne quelli nel Sogno del cacciatore, che di fatto non partecipano allo scontro, visto che sono letteralmente in un’altra dimensione. Il nocciolo fondamentale del gameplay è che il danno inflitto dai cacciatori si calcola partendo dal primo giocatore, e spesso e volentieri non tutti riescono a colpire il mostro. Se infatti il mostro muore i giocatori ricevono in premio un quantitativo di sangue pari al danno inflitto più eventuale reliquia (che da punti a fine partita) disegnata sul fondo della carta.

Ed allora ecco come una pistola può anticipare il colpo di un avversario, oppure come il primo giocatore tenderà a usare il suo attacco più devastante: Si può anche giocare la carta trasformazione per vedere cosa giocano gli altri e scegliere in seguito. Le carte giocate rimangono visibili davanti ai cacciatori lasciando agli altri giocatori la possibilità di capire che carte si hanno in mano. Ma il gioco non è solo questo. Giocando la carta Sogno del cacciatore, come abbiamo detto, si è lontani dal combattimento, ma è solo in questo momento che si può mettere il sangue nella propria riserva e preservarlo al fine di fare punti a fine partita. Infatti, come nel videogioco, in Blooborne si muore e spesso. La risurrezione è immediata ma tutto il sangue non preservato viene perso per sempre con tante tante brutte parole. Il Sogno del cacciatore permette non solo di pararsi il deretano ma anche di riprendere le proprie carte dal tavolo, di curarsi e di acquistare nuove carte, disponibili nel mercato e visibili a tutti sin dall’inizio. Il gioco potrebbe sembrare un cooperativo e a tratti lo è senz’altro, ma i colpi bassi non mancano. Di fatto alcune armi danneggiano i compagni causando ferite inaspettate, oppure giocare armi a distanza contemporaneamente annulla il colpo andato a segno. Questo crea tensione al tavolo e può succedere che ci si dimentichi del mostro e si concentri l’attacco su un giocatore in vantaggio. La cornice grafica del gioco è presa pari pari dal videogame e per me è stato davvero emozionante rivedere oggetti come il bastone affilato e la mannaia seghettata, per non parlare dei mostri presenti.Ma mi sono accorto che al tavolo degli Asmoday ero l’unico realmente entusiasta del gioco e a detta di molti la durata della partita era eccessiva per quello che aveva da offrire. Sono critiche che condivido, ma personalmente ho trovato il gioco dannatamente divertente e anche abbastanza ispirato al tema. Il fatto di bluffare e giocare il colpo più importante nel momento giusto è quello che andava fatto nel videogioco. Rimane comunque un gioco di carte, ma la sensazione di tensione di perdere tutto perché si è osato troppo è pienamente riuscita, esattamente come Bloodborne deve essere. Per la gioia di molti il gioco sarò tutto in italiano grazie ad Asmodee, e presto arriverà su tutti i tavoli del bel paese. Quindi cacciatori preparatevi, la lunga notte ha inizio con il 15 ottobre.

2 Commenti a Bloodborne: finalmente arriva in italia il gioco di carte

  1. lucabrl ha detto:

    Non per fare il precisino della fungia, ma Bloodborne è un titolo From Software, Konami ormai è l’ombra di se stessa e del suo glorioso passato (dopo l’exploit di MGSV e l’addio di Kojima si è ridotta alle edizioni annuali di PES)

    Detto questo, mi piacerebbe provarlo, che dal paio di preview che ho letto non mi convince molto :/

    • Maledice79 ha detto:

      Porca miseria vero che è From Software, ma se non ricordo male era sotto Konami una volta. Comunque grazie sta sera sistemo. Il gioco merita parecchio cmq

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD