Nocturion, dadi al servizio di Alexius IV

di Daniel “Renberche” | Nocturion

Salvare un impero a colpi di dadi è cosa tipica nei giochi da tavolo, e anche in questo caso non si fa eccezione. Qui si arriva direttamente dal mondo dei giochi online, quindi i bit prenderanno forma e sostanza tangibili. Buona lettura!

In Nocturion i giocatori assumo il ruolo di nobili che cercano di adempiere alle richieste dell’Imperatore Alexius IV per dimostrargli la propria lealtà e per schierarsi al suo fianco per la rinascita dell’Impero. Nella pratica del gioco si tratta di un gestionale di dadi, dove non mancherà l’interazione. L’autore del gioco è George Skourtis per la Vesuvius Media. Alla data dell’articolo è attiva la campagna su Kickstarter, con l’obiettivo di finanziamento già ben raggiunto. Il gioco è la trasposizione da tavolo del browser game omonimo.

Numero di giocatori: 2 – 4
Durata: 40 – 70 minuti
Link al Kickstarter: link
Link al regolamento: link

| Setup & Materiali

Posizionare il tabellone al centro del tavolo: questo è diviso in quattro aree città, ognuna è associata ad una coppi di dadi, mentre al centro è presente il pannello stagione. Porre qui sopra il token anno nello spazio “1”; mescolare le 12 tessere luogo e posizionarle casualmente negli spazi del tabellone, 3 per città; posizionare poi il segnalino martello presso la segheria e la coppa sacra presso la chiesa. Separare le carte quest per livello in 3 mazzi separati e disporle attorno al tabellone, rivelando 3 quest per ogni livello. Mescolare i mazzi fiere e disgrazie separatamente e porli a faccia in giù vicino al tabellone, assieme ai vari rimanenti elementi di gioco comuni, come i dadi, i segnalini punti vittoria, etc.

Scelto casualmente il primo giocatore, ognuno sceglie una casata e prende la relativa plancia, 5 segnalini esausto, il mazzo dei cimeli di famiglia e pesca 3 carte Fiera dal mazzo, da tenere coperte.

Nocturion

| Il Gioco

Nocturion è giocato in diversi round, ognuno dei quali è diviso in 3 differenti fasi, fino a quando il segnalino dell’anno non raggiunge lo spazio indicante la fine (dopo 4/6/8 round in 2/3/4 giocatori). Vediamo le singole fasi di gioco.

  1. Lancio e scelta del dado. Il primo giocatore prende tanti dadi dalla riserva quanti i partecipanti al tavolo, se ne aggiungono eventualmente degli altri se ci sono delle abilità che lo indicano, e li tira. In ordine di gioco ogni giocatore prende un dado e lo piazza nella sua riserva, ovvero lo spazio adiacente la propria plancia. Anche in questo caso eventuali abilità possono permettere di prendere più di uno.
  2. Fase azioni. A partire dal primo giocatore ognuno completa tutte le azioni a disposizione, nel dettaglio:
    • Riservare un dado, lo si piazza nella propria plancia sopra lo stemma della casata, tenendo conto che solo un dado potrà essere conservatoNocturion
    • Attivare un luogo, per farlo si deve possedere il dado associato e lo spazio deve essere libero. Nel momento in cui si attiva l’area si devono risolvere i seguenti quattro punti:
      1. Spostare l’indicatore della stazione in avanti fino alla successiva risorsa a disposizione in senso orario che corrisponda al colore dell’area attivata. Ogni volta che si percorre un giro si avanza l’indicatore dell’anno, quindi del gioco.
      2. Rifornire l’area del tabellone indicata dal segnalino col carro. Queste possono essere ferro, legno, magia, cavalieri, oro, arcieri arcani.
      3. Collezionare la risorsa prodotta dal luogo se disponibile.
      4. Attivare l’abilità del luogo, le abilità sono 7 e le ho descritte in seguito.
    • Equipaggiare un cimelio di famiglia, scartando le risorse indicate si potrà equipaggiarsi l’oggetto, ponendolo nell’apposito spazio nella plancia di gioco, ottenendo immediatamente i punti vittoria indicati.
    • Soddisfare un obiettivo, se si possiedono i requisiti in risorse e cimeli di famiglia equipaggiati, ottenendo così punti vittoria e utilizzando l’abilità della carta obiettivo completata.
  3. Fase di ripristino. I giocatori rimettono i dadi nella riserva, si scartano eventuali risorse possedute oltre la settima, si pescano nuove carte fiera, si riporta la coppa sacra nella sua posizione, si rimuovono gli eventuali token esausto utilizzati e, nel caso si sia salvato, si pone il dado conservato nella propria riserva.

Al termine della partita ai punti ottenuti durante il gioco si detraggono quelli relativi alle eventuali maledizioni prese, chi avrà il rimanente più alto sarà il vincitore.

Le possibili azioni eseguibili in un luogo permettono di scambiare risorse, ottenere un dado per il turno successivo, rimuovere una Maledizione, evocare una Fiera, utilizzare o riattivare una Fiera, ottenere il segnalino Martello, pescare una carta Maledizione e lanciarla contro un altro giocatore.

Le carte Fiera hanno un costo di attivazione, forniscono punti vittoria, un’abilità specifica e una possibile manipolazione del dado. Le carte Maledizione hanno un effetto negativo da subire in caso si è scelti come vittime, non è possibile averne più di tre attive però.

| Considerazioni

Nocturion appare come un classico gioco di gestione dadi con una dose, almeno sulla carta, non indifferente di impatto dell’interazione, sia diretta che indiretta. Non vedo dal punto di vista delle meccaniche grosse novità, il gioco mi sembra abbastanza variabile, viste le possibilità date dalle carte e dalla variabilità intrinseca data dal dado, che appare comunque gestibile. Mi piace lo stile grafico utilizzato per le illustrazioni che richiama quella del gioco online. Sulla trasposizione non posso dire molto in quanto non ho mai giocato alla versione digitale (e dopo gli anni passati a giocare ad Ikariam ho smesso). Di suo un passo l’ha quasi fatto, superando il primo ostacolo del Kickstarter, se andrà oltre lo scopriremo solo giocando. Se il gioco vi attira controllate anche gli altri consigliati dai nostri algoritmi.

| Continua il viaggio nel gioco con:

  •  
    8
    Shares
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy