Author Archives: riivaa

Super Blood Harvest – The Moon is a Vampire

di Franz “riivaa” | Super Blood Harvest

Tornare dai fasti delle fiere d’autunno è un po’ come fare le due di notte prima di un giorno lavorativo. Arrivati a quel punto ci troviamo davanti a un dilemma: salutare tutti e tornarcene a casa, per dormire le quattro ore e mezza giuste che ci permettono una neuroattività nella norma; o restare per l’after e fare un dritto fino al lavoro, scoprendo cosa succede intorno alle 3:12 di notte (di solito niente di buono).

Ecco quindi che con lo zaino ancora caldo di manuali di gioco in rientro da Lucca, mi accingo a parlarvi di uno dei kickstarter che ho finanziato stamattina…

Microscope – Il worldbuilding fatto gioco

di Francesco “riivaa” | Microscope

È di qualche giorno fa la notizia che la SpaceOrange42 (ex GG Studio) localizzerà in Italia Microscope di Ben Robbins…

The Isle of Cats – 50 libbre di gatti in salsa di tile

di Francesco “Riivaa” | The Isle of Cats

Chi mi conosce sa che sono più un tipo da cactus e cani…

Afterlife: Wandering Souls – La morte è una meravigliosa avventura

di Francesco “Riivaa” | Afterlife: Wandering Souls

C’è un mare di sabbia con porte di specchi, oltre il passo del Nulla.
Un dedalo di sogni, che si snoda tra gorghi di miraggi e monsoni di ricordi.
Al di là del tempo,
esiste un presente che per avere un futuro deve farsi passato.
Più semplicemente: Aldilà.

Ignite – benvenuti al tritacarne

di Francesco “Riivaa” | Ignite

“Basta una giornata storta per trasformare il migliore degli uomini in un folle.
Ecco quanto dista il mondo da me. Una giornata storta.
Anche tu hai avuto una giornata storta, dico bene?
Ne sono certo.
Lo capisco.”

Blume – Il bello della primavera, senza gli antistaminici

di Francesco “Riivaa” | Blume

«Aprile è il mese più crudele, genera
lillà da terra morta, confondendo
memoria e desiderio, risvegliando
le radici sopite con la pioggia di primavera…»

Probabilmente T.S. Eliot non era allergico ai pollini, sennò avrebbe aggiunto: “Scuote i nasi dal torpore d’inverno, con polluzioni di moccio” Io come lui (fortunatamente) non sono allergico ai pollini, ai fieni e a nessuno dei derivati del mio amato popolo fotosintetico. Amo intensamente la primavera, specie nelle giornate in cui i raggi di sole rimano con la brezza lagunare che si insinua sulla barena… e l’aria è densa di odori. Ma il buon Dio mi ha fornito altri handicap. Uno dei tanti è l’empatia. Così, quando vedo le mie amiche imbottirsi di antistaminici per riuscire a respirare, mi rendo conto che la primavera non è proprio una gioia per tutti. E così, lo è un po’ meno anche per me.

The Long Road | Recensione

di Francesco “riivaa” Lucenti | the Long Road

The Long Road è l’ultimo prodotto della coppia Stefania Niccolini e Marco Canetta (ZhanGuo, Railroad Revolution, Rhein: River Trade). Un gioco pensato per coinvolgere 2-4 giocatori per 30-35 minuti, attraverso meccaniche di piazzamento carte coperte, azioni speciali e gestione influenze.

Dominations: il piazzamento civiltà

di Franz “Riivaa”

La francese Holy Grail Games (Rising 5 – Runes of Asteros e Museum) torna a finanziarsi su Kickstarter con un gioco di civilizzazione ispirato alle antiche meccaniche del Domino. Dominations: Road to Civilization è un gioco di piazzamento tessere e gestione risorse inventato dal duo di Olivier Melison and Eric Dubus, che per la Holy Grail avevano già ideato Museum. La campagna di Museum è stata un bel successo, fruttando più di 250,000 € alla piccola casa editrice francese, oltre che una discreta notorietà nel settore. Vediamo di capire se Dominations ha le carte… Ahem! Le Tessere in regola per poter replicare il successo della precedente campagna.

Privacy Policy