Sezione: Essen2018

Spiel'18

Spiel’18 – Live Blogging da Essen

di Gioconauta

Arriva ottobre e come ogni anno con la fine del mese si chiude quello che potremmo definire l’anno ludico. Il perché è presto detto, arriva lo Spiel’18. Di che si tratta? È la fiera dei boardgame, per eccellenza, a livello internazionale e planetario, che concentra la maggior parte delle novità del mercato. Snoccioliamo qualche numero per dare l’idea del fenomeno: nel 2017 ha contato 182.000 visitatori e quest’anno saranno presenti 1.100 espositori, da 51 nazioni, concentrati in 72.000 metri quadri. Ma cosa significano questi numeri? In realtà ben poco, danno solo le dimensioni di un evento che si traduce con una sola parola, GIOCARE! Giocare a titoli di ogni genere da ogni parte del mondo, trovare l’editore italiano come quello malese o messicano; giocare a novità, titoli che vedremo nel nostro paese dopo un mese come mai, perle rare in grado di stupire e provabili solo lì (ogni anno becco sempre almeno un titolo che mi ispira senza possibilità di localizzazione o anche solo recupero nel nostro paese), possibilità di vedere il prototipo dalla meccanica assurdamente originale come il futuro vincitore dello Spiel de Jahres (gioco dell’anno tedesco); giocare con chiunque, dal connazionale incontrato per caso e l’appassionato che si è fatto 20 ore d’aereo per venire almeno una volta allo Spiel. Laggiù, ad Essen, nel cuore della Renania Settentrionale, dal 25 al 28 ottobre, verosimilmente più di 180.000 appassionati sfogheranno la loro passione ludica in un evento annuale senza eguali almeno in Europa. Sarà accompagnato come ogni anno da esaltazioni, magari per aver provato il titolo che “da solo merita il viaggio”, e da delusioni, il gioco che si desidera ardentemente andato sold out in poche ore di fiera. Tutto questo e molto di più è lo Spiel. E noi Nauti? Ovviamente ci saremo. Affronteremo con pazienza e coraggio i 1.100 km che ci separano dalla “capitale del gioco” in andata e in ritorno, inarrestabili, implacabili e non so quali altre parole con la i… e potrete seguirci come ogni anno tramite il nostro inimitabile, istantaneo, e non so ancora quali altre parole con la i, Live Blogging. La novità di quest’anno è che ci seguirà fisicamente il nostro Maledice, nella speranza di trovare american interessanti in Germania (sembra un po’ un controsenso) e la nostra Max Luna, intenta a sperimentale sul campo il suo tedesco. Si unirà quindi anche il loro commento ai nostri pensieri istantanei di quel che proviamo, vogliamo e, spesso, bramiamo con ardore e furia omicida figurata. Montate in carrozza, si parte!

Road to Essen #06: Assassin’s Creed – Hokkaido – Holding On

di Luca “Maledice”

E ormai siamo nelle settimana più importante dell’anno e da giovedì siamo ufficialmente dentro la fiera tedesca chiamata “Spiel”. Ma per ora manca ancora un ultima tappa nel nostro Road to Essen. Ecco quindi l’ultimo video sui titoli che più hanno attirato la nostra curiosità. Questa volta ci siamo un po’ lasciati andare, trovando delle perle che sulla carta potrebbero essere davvero interessanti. Quindi non mi resta che salutarvi ( ci risentiamo ad Essen) e auguravi come al solito Buona Visione….

Road to Essen #05 : Fertility – Hand of Fate: Ordeals – Dawn of Peacemakers

di Luca “Maledice”

Mi vengono i brividi a pensare che mercoledì prossimo sarò in macchina per viaggiare in quel nord freddo di palese stampo German. Ma Ottobre sta finendo e le colossali porte dello SPIEL 2018 stanno per aprirsi ed è tardi per tirarsi indietro. I giochi presentati aumentano giorno dopo giorno e tutti stiamo aspettando il miracolo del nuovo gioco definitivo che potrebbe comparire all’improvviso. In questo video troviamo 3 papabili candidati che non hanno bisogno di tante presentazioni, ma analizzarli era doveroso nella lunga strada per Essen. Buona Visione……

Road to Essen #04 : Treasure Island – Caper

di Luca “Maledice”

La via è chiusa. Ma non per Essen a quanto pare che come ogni anno apre le porte ad autori di ogni sorta che tentano di stupire noi giocatori con meccaniche nuove e ambientazioni sempre nuove. Anche se per molti questo SPIEL sembra un po’ piatto, qualche titolo intrigante potrebbe venirne fuori. Questa volta PG ci porta a scoprire l’isola del tesoro della Matagot e un titolo con grafica molto originale e dalla dubbia pronuncia Caper.  Buona Visione….

Bears & Bees

Bears & Bees, i barattoli di miele ormai non bastano più

di Daniel “Renberche”

Che gli orsi siano ghiotti di miele lo sanno tutti (forse gli unici a non saperlo sono gli orsi stessi), sicuramente questo fatto è noto anche in Russia da dove spunta questo colorato giochetto di carte. Buona lettura!

Airship city

Airship city, quando non solo la testa è fra le nuvole

di Daniel “Renberche”

Quando si dice avere la testa fra le nuvole può implicare che per un ingegnere salti in mente di progettare dei dirigibili che permetteranno di vivere nel cielo. Però se vivi in Giappone è probabile che questa necessità di spazio sia abbastanza sentita. Buona lettura!

Se La Boca avesse la laguna sarebbe una piccola Burano

“di Daniel “Renberche”

Per chi va a farsi una gita a Venezia tra le attrazioni, oltre a quelle classiche come piazza San Marco, Rialto e le defecazioni di piccione, vi è l’insieme di isole e isolette che rendono piacevole al turista un giretto in bateo. Murano ha i suoi vetri, Torcello i suoi scavi e Burano i suoi merletti, ma anche le sue belle casette colorate che tanto piacciono ai taiwanesi. Buona lettura!

Road to Essen #03 : Nemeton – Wildlands – Expedition Zetta

di Luca ” Maledice”

Con i giochi di  Essen  stiamo uscendo di senno, ne escono ogni giorno, decine decine. In ogni caso dobbiamo selezionare alcuni titoli per arrivare” alla fine della fiera”, perdonatemi il gioco di parole. Quindi oggi sulla lunga strada della fiera, scopriamo 3 titoli (qualcuno reduce da kickstarter) freschi freschi. Passeremo dall’avventura druidica Nemeton, all’esplorazione spaziale di Expedition Zetta e le botte in stile Wallace di Wildlands. Buona Visione……

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD