Mondo autori – Vladimír Suchý

di Daniel “Renberche” | Mondo autori – Vladimír Suchý

Apro questa piccola rubrica, il cui proseguo sarà tutto da vedere, dedicata agli autori e ai loro titoli. Mi piace l’idea di esplorare la produzione ludico-creativa di un autore per vedere quanto spazia e quanto impatto ha nel nostro bello e divertente mondo. Di contro riuscire a giocare ad un discreto numero di giochi di uno stesso autore non è sempre cosa facile. E si, ringrazio il grafico di CV per l’ispirazione nell’immagine di copertina. Buona lettura!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

The King’s Dilemma | Provato in anteprima • spiegazione del gioco e impressioni

iconadi Max “Luna” | the King’s Dilemma

King’s dilemma è un gioco ambientato in un universo a sè, creato e narrato in centinaia di pagine che ripercorrono i 1400 anni di storia (o giù di lì) di Ankist e delle terre circostanti, ma da questo momento della storia in poi sono i giocatori a creare il futuro del regno, impersonando le diverse casate/fazioni che lo abitano. Il loro compito? aiutare il re nelle difficili scelte che governare comporta facendo al contempo, ovviamente, i propri interessi.
Abbiamo provato questo gioco alla Tentacon, defustellando con gioia una delle prime scatole disponibili in circolazione, e sperimentato sulla nostra pelle quanto sia difficile a volte scegliere: rubare o non rubare la scatola quando quelli della Horrible Games erano girati?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
BGStats

Per gli amanti delle BGStat(istiche)

di Daniel “Renberche” | BGStat

Diversi fenomeni si possono osservare durante una sessione di gioco in casa Gioconauta. La discussione su dove ordinare il cibo, la presentazione del meraviglioso/fantastico/giocopiùbellomaifatto finanziato da Maledice, il resoconto preciso e dettagliato di tutte le serie presenti su Netflix da parte di Canopus, l’elenco aggiornato delle persone odiate da Luna, la domanda su dove sia Alkyla (a no, quello lo sappiamo), l’influenza del Doc, etc. Ultimamente sta prendendo piede un nuovo fenomeno sociale/antropologico. Nello specifico il salvare le partite che si giocano e da qui ripercorrere, come vecchi seduti panchina che ricordano i fasti del sesso giovanile, lo storico ludico delle settimane precedenti. Vediamo come tutto questo sia possibile.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Revolution of 1828

Revolution of 1828: YES WE FELD!

di Daniel “Renberche” | Revolution of 1828

Il buon Stefan Feld si rimette alla prova con i giochi per due giocatori, dopo i vari Roma e dopo un semi sconosciuto, ma da me posseduto, I Pilastri della Terra: Duello tra costruttori. Come sarà andata? Buona lettura!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Kingdom Death: Monster | Dicecraft #32

iconadi Luca “Maledice” | Kingdom Death

E’ stata un video sofferto ma una promessa è una promessa, e anche se ha richiesto tipo un anno alla fine è arrivato il dicecraft di Kingdom Death: Monster. Da subito ci aveva colpiti, tanto che Luna, pur nota teutonica, gli aveva dedicato un racconto e una sessione di pittura.
Ma questo video ha richiesto molto tempo perchè tanta era la profondità e tanta era la storia che richiedeva di essere vissuta e raccontata.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Escape the Dark Sector: in fuga dallo spazio profondo


di Alberto “Doc” | Escape the Dark Sector

La Themeborne torna su kickstarter con un nuovo prodotto che vuole replicare il successo avuto dal precedente Escape the Dark Castle. Per quanti hanno già apprezzato il primo capitolo della serie Escape the Dark, questa nuova avventura sarà sicuramente la benvenuta negli scaffali della propria ludoteca. Seguitemi e vediamo cosa propone di nuovo Escape the Dark Sector.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

10 ragioni per imparare l’inglese se ami i giochi da tavolo

iconadi Max “Luna”

English, WHAT the Fu*k?!
Da ere un ostacolo incalcolabile: esami a scuola, impostazioni di software incomprensibili, serie tv che o aspetti tradotte o ti tocca vederle con gli occhi rivolti ai sottotitoli per scansare gli spoiler, avvenenti Jennifer con cui non cucchi perchè il tuo inglese si ferma a My name is Gianni. Se queste e altre mille avversità non sono riuscite a schiodarti dal tuo stoico “Io sono italiano quindi parlo italiano”, ti diamo noi una buona ragione per convertirti, anzi 10: i giochi da tavolo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

On the Board #102: Manitoba

di Luca “Maledice” | Manitoba

In un villaggio indiano sperduto da qualche parte in Canada i Gioconauti sono a capo clan della tribù dei Cree, cercando di diventare il capo principale di tutti loro, ma questo non è facile in quanto devono far fronte alla natura fornendo materiale e ricchezza spirituale per i loro clan. Nel corso delle stagioni, ognuno deve considerare diverse cose: quando e dove ha intenzione di attivarsi nei territori di caccia di Manitoba? Oppure scegliere lo sviluppo spirituale e camminare su percorsi mistici? Possono anche manipolare i dischi di legno del totem per influenzare fortemente le possibilità di tutti i giocatori. Molte situazioni richiedono decisioni sagge … e noi non lo siamo di sicuro. Buona Visione….

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Privacy Policy