Tag Archives: BoardGameGeek

Gameplay Burgle Bros | Come non aprire una cassaforte

icona icona icona
di “Luna”, “Maldice” e “PG” | Burgle Bros

Nel cuore della notte i furti del secolo, ma stavolta, sotto gli occhi di tutti! Venite in missione con noi pazzi in cerca della cassaforte, tra pericolose trappole e guardie che girano come pesci rossi tra i corridoi della multinazionale.

Giochi di Classifiche

di Daniele “Ditadinchiostro” Ursini

Ad esempio, il Casatiello. Io spunto i giorni sul calendario che mi separano da una Pasqua alla Pasqua successiva. “Ne vuoi ancora?”, “Magari un pezzetto…” ma non è vero, ne mangerei un’altra fetta e poi un’altra, e un’altra. La sensazione di sazietà è un blocco mentale installato dalla natura per limitare la felicità, come i diaframmi degli scooter che da ragazzini cercavamo di smontare di straforo per guadagnare quei dieci chilometri all’ora di pura gioia. Che poi ho scoperto innumerevoli varianti del Casatiello. Il mio è piuttosto classico: salame e pecorino tagliati a cubetti e inglobati in un pane fragrante, appagante come l’abbraccio di un enorme coniglietto pasquale. Ultimamente ne ho però assaggiato un altro che ha distrutto le mie certezze: un’armonia distopica di salame, pancetta, prosciutto e mortadella inglobati in una fusione fredda di formaggi vari che affollano un soffice ciambellone salato. È come passare dal coniglietto pasquale alle conigliette di Play Boy. Ad ogni morso un diverso sapore, indecifrabile e fugace, capace di confondere una mente sempre troppo lenta a registrare i continui input delle papille gustative. Una droga che inebria e ingrassa, che stordisce e stupisce, che istiga e istruisce. Così il calendario resta l’unico carceriere di cui fidarsi e i suoi numeri qualcosa su cui concentrarsi in attesa della prossima sacra infornata.

CLASSIFICA 2017 degli autori italiani di giochi da tavolo

di Daniele “Ditadinchiostro” Ursini

Ci fu un tempo in cui ad incontrare un autore di giochi da tavolo ti tremava il fazzoletto in tasca e dovevi far perno su tutto l’autocontrollo di cui disponevi per evitare di estrarre quel drappo di stoffa con occhi brillanti: “Me lo firmeresti? Non hai la penna? Fa niente, asciugatici il sudore, così avrò qualcosa di più prezioso di una firma”.

Seguì un tempo in cui ad incontrare un autore di giochi ti balenavano in mente immagini di film di zombi e vedevi te stesso scappare da una moltitudine indistinta di esseri esaltati che, arrancando sotto il peso delle loro scatole, cercavano di raggiungerti e avvilupparti con le proprie regole.

Ora sta per giungere il tempo in cui un autore di giochi da tavolo non sarà più uguale a un altro. Un tempo in cui le orde diventeranno più umili ed i fazzoletti si calmeranno stretti nelle tasche, perché solo una manciata di autori avranno il potere di farsi bramare senza dover rincorrere alcuno.

Una Classifica per domarli, una Classifica per trovarli, una Classifica per ghermirli e nell’arte incatenarli.

Flash corner

Flash News Corner #4: notizie in breve dal mondo ludico

di “Gioconauta”

Anno nuovo, nuove news. E’ con queste notizie flash che apriamo il 2016 su Gioconauta con voci dal mondo del gioco da tavolo, ma anche con le solite anticipazioni sulle nostre rubriche di prossima pubblicazione.

Buon Anno e Buona lettura.

La classifica definitiva del multiverso ludico secondo Gioconauta?!?

di “Gioconauta”

Credo che le classifiche suscitino in molte persone un grande fascino, come se quell’elenco sintetico racchiudesse tutta la saggezza che ci serve per stare bene, per ottenere il miglior risultato di cui abbiamo bisogno. Con sempre maggiore frequenza arrivano in redazione richieste in merito a pubblicare anche da parte nostra delle classifiche simili. Data questa esigenza che diversi di voi ci hanno manifestato, cogliamo l’occasione per spiegare a tutti voi, cari lettori, il perché noi nauti siamo piuttosto restii al voler realizzare classifiche per i giochi, siano queste di carattere generale, tematico, temporale, di redazione o personali (e così via…). Eccovi così la classifica delle nostre migliori motivazioni per non redigerne una.

Privacy Policy