Tag Archives: Card driven

The Long Road | Recensione

di Francesco “riivaa” Lucenti | the Long Road

The Long Road è l’ultimo prodotto della coppia Stefania Niccolini e Marco Canetta (ZhanGuo, Railroad Revolution, Rhein: River Trade). Un gioco pensato per coinvolgere 2-4 giocatori per 30-35 minuti, attraverso meccaniche di piazzamento carte coperte, azioni speciali e gestione influenze.

Capitoli: Parte 1 | Parte 2 | Parte 3

Democracy Under Siege | Dicecraft #22

di Luca”Maledice”

Il 2018 nel suo primo mese mi vede impegnato in diverse campagne di giochi davvero molto interessanti e una volta arrivati ad una completa comprensione dei titoli mi lancerò nel pubblicare Dicecraft a riguardo. Ci vuole tempo, tanto. Una campagna richiede mesi, ad un ritmo serrato, quindi pazientate, ma titoli pesantemente testati e fuori dai canoni noiosi dei german ne arriveranno. Intanto vi pubblico un titolo che non ha campagna ma ha una complessità notevole. Lo testimoniano i 32 minuti di video che state per vedere….

guilds

Guilds, il videotutorial

di Sara “Miss Meeple” Trecate

Guilds, gioco di aste, carte e tile placement di Christian Giove, edito da Giochi Uniti, è ambientato nel favoloso Regno di Anderis, dove l’esigente sovrano richiede la formazione di Gilde confacenti ai suoi gusti.

Da 2 a 4 giocatori si contenderanno i personaggi più potenti, influenti, ricchi e meschini del regno, ingaggiandoli al mercato.

Assault of the Giants: una nuova trasposizione dal mondo D&D

di Alberto “Doc”

Nel mio girovare nel web, quando incontro nuove uscite a carattere fantasy è per me obbligatorio fermarmi a curiosare. Ed eccomi così davanti alla pagina di  Assault of the Giants, una delle ultime fatiche targata WizKids. Si tratta di un titolo che come visto con diversi loro prodotti già sul mercato, prende a piene mani da una delle avventure del mondo di Dungeons & Dragons trasponendola da gioco di ruolo a gioco da tavolo. In questo caso stiamo parlando della recente Storm King’s Thunder realizzata per D&D quinta edizione. Il risultato è un gioco da 3 a 6 giocatori, ognuno dei quali si mette alla guida di una fazione di giganti per cercare di raggiungere il proprio personale obiettivo e portare così a casa la vittoria per il proprio clan. Vediamo meglio come.

La Festa per Odino, il videotutorial

di Sara “Miss Meeple” Trecate

Aprendo la pesantissima scatola di La Festa per Odino si entra nel favoloso mondo di Uwe Rosenberg. Echi di suoi vecchi titoli si percepiscono nei materiali, nel regolamento, nelle meccaniche che fanno di questa “Festa” la summa del suo lavoro.

Nei panni di un gruppo di vichinghi, dovremo portare avanti le attività quotidiane tipiche della loro società: la caccia, l’allevamento, l’esplorazione di nuove terre, l’approvvigionamento di cibo e merci, la cura della casa… Un tabellone con più di 60 azioni disponibili tra cui scegliere riassume tutto ciò che possiamo fare in questo piazzamento lavoratori ad ampissimo respiro. Le strade da seguire sono infinite e prevedono l’uso delle meccaniche più disparate: lanci di dadi, carte giocate dalla mano, incastri di figure geometriche in plancia.

E’ un titolo per molti versi estremo, forse esagerato nelle possibilità di azione che offre. E’ un regalo per i fan dell’autore che riconosceranno il tocco di Rosenberg e anche se non sarà considerato il suo gioco più elegante, è sicuramente il più completo.

Il regolamento dettagliato è presentato nel videotutorial di Miss Meeple:

wir-sind-das-volk

Wir Sind Das Volk!, il videotutorial

di Sara “Miss Meeple” Trecate

Germania Est e Germania Ovest, due blocchi contrapposti che riassumono le tensioni della Guerra Fredda. Per rivivere il clima e gli eventi di quel periodo, esce nel 2014 Wir Sind Das Volk!, titolo di Richard Sivél (Maria) e Peer Sylvester (King of Siam, The king is dead), per due soli giocatori, edito da Histogame.

Le due fazioni hanno obiettivi e strategie diverse, l’Est punta a resistere alla pressione dell’Ovest, quest’ultimo sviluppa la propria economia per far crollare l’Est, ognuno cerca di dimostrare che il proprio sistema è il migliore, e di salvaguardare il proprio prestigio a livello internazionale. Sul tabellone di gioco, si costruiscono fabbriche e infrastrutture, si incrementa il tenore di vita, ma al contempo si scatenano sommosse e proteste di massa. Wir Sind Das Volk! (slogan delle manifestazioni nella DDR di fine anni ‘80) è un card driven serrato, ogni carta giocata ricorda un passaggio storico fondamentale che guiderà le sorti del confronto verso l’una o l’altra parte. I due giocatori sono chiamati a controllare le province di Est e Ovest guidandone lo sviluppo economico e industriale. Ma gli equilibri sono molto fragili e la crescita va condotta con cautela e in maniera proporzionale su tutto il territorio, per non generare malcontenti nelle province confinanti.

Vincitore del Premio Goblin Magnifico 2015, Wir Sind Das Volk! è un titolo che rispetta le aspettative, teso, crudele e coinvolgente, vi immergerà nel clima del secondo dopoguerra. Basta un passo falso per perdere la partita a causa di troppe proteste popolari, di troppa disparità tra il benessere delle varie province, della “sconfitta” del socialismo.

Un ringraziamento a Daniel “Renberche” per il supporto nella preparazione del tutorial. Il regolamento completo è presentato nel video di Miss Meeple:

Glass Road, il videotutorial

di Sara “Miss Meeple” Trecate

Tra i territori della Foresta Bavarese si dirama la strada del vetro, disseminata di laboratori, studi, musei e piccole imprese artigianali i cui si lavora il vetro da 750 anni. Uwe Rosenberg si è ispirato proprio a questi territori per realizzare Glass Road, titolo del 2013, edito in Italia da Cranio Creations.

I giocatori (da 1 a 4) gestiranno una plancia che rappresenta il loro piccolo terreno suddiviso in foreste, boschi, laghi, cave. Potranno modificare gli elementi paesaggistici, disboscare e costruire edifici di produzione negli spazi così creati, per portare avanti la propria industria di vetro e mattoni.

A supporto di queste operazioni, ai giocatori è consegnato un mazzo di 15 carte che rappresentano altrettanti specialisti tra cui scegliere e di cui servirsi ad ogni round. Tra i personaggi ci sarà chi ci aiuterà a disboscare, a creare laghi o cave, chi ci fornirà risorse e chi ci permetterà di costruire edifici che a loro volta produrranno ulteriori risorse per sviluppare la propria impresa artigianale. Le risorse sono gestite dalle tipiche “ruote”  di Rosenberg con un meccanismo per cui una volta acquisite le  risorse di base si possono consumare (girando la ruota) per creare le risorse lavorate, vetro e mattoni, fondamentali per la costruzione degli edifici.

Ma non sempre riusciremo a realizzare tutto quanto avevamo pianificato: all’inizio di ogni round, o periodo di produzione, ciascuno sceglie in segreto quali 5 carte specialista usare. La scelta va fatta con molta attenzione, perché se più giocatori avranno scelto le stesse carte, potranno svolgere solo una delle due azioni che la carta riporta.

In 75 minuti circa, lo scopo di Glass Road è quello di costruire quanti più edifici possibile, per ottenere il maggior numero di punti vittoria a fine partita.

Il regolamento dettagliato è riportato nel videotutorial di Miss Meeple:

ZhanGuo – Recensione

di Sara “Miss Meeple” Trecate ZhanGuo

Introduzione

Cina, 221 a.C., il sovrano Ying Zheng diventa il primo Imperatore cinese conquistando e riunificando tutti i Regni in cui era diviso il territorio. Si pone così fine al periodo degli Stati Combattenti (ZhanGuo) e inizia la dinastia Qin. Ma l’unità reale del Paese è ancora lontana, il malcontento si diffonde, così come le rivolte delle popolazioni confinanti. E’ per frenare queste ultime che l’Imperatore ordina di erigere la Grande Muraglia.

Privacy Policy