Tag Archives: Fantascienza

On the Board #92: Cry Havoc

di Luca “Maledice”

Cry Havoc, edito dalla Portal Games e ideato dal trio Grant Rodiek, Michal Oracz e Michal Walczak. Precedentemente conosciuto col nome di Battle of York, il gioco ha avuto un lunga gestazione, iniziata nella primavera del 2012, ma arrivato nelle case dei giocatori nella scorsa fiera di Essen: il gioco racconta di un pianeta lontano, lontano dove degli indigeni sono belli e e felici, fino all’invasione di tre razze aliene (umani ovviamente compresi) pronti a conquistare le preziose risorse, in puro stile Avatar. Un gioco di conquista sci fi asimmetrico che ha diviso tutta la redazione di Gioconauta in questo nuovo On the Board. Buona Visione…

Alien Artifacts: il 4X si fa di carte con Portal Games

di Alberto “Doc”

Di giochi in chiave 4X ne sono nati diversi in questi anni e ne abbiamo trattati più di qualcuno anche sulle nostre pagine (vedi Impulse o Heroes of Land, Air & Sea) quando proponevano spunti interessanti di cui parlare. Spunti che direi mette sul piatto anche Alien Artifacts, prossima produzione targata Portal Games che come sfida cerca di trasferire le tipiche caratteristiche di Expand (Espansione), Explore (esplorazione), Exploit (sfruttamento risorse), Exterminate (sterminio), in un gioco di carte. Sarà un esperimento riuscito? proviamo a capirlo.

Adrenaline - fonte: bgg

On the Board #89: Adrenaline

di Luca “Maledice” Lanara Adrenaline

Questo prodotto CGE è la conversione da tavolo di uno sparatutto in prima persona (FPS per gli amici), nel quale ovviamente lo scopo è colpire gli avversari a morte. Tuttavia, e per fortuna, non si tratta di un gioco ad eliminazione in quanto, terminati i punti vita, il giocatore ferito muore, fa guadagnare punti vittoria in base ai segnalini ferita che gli sono stati inferti dai nemici, e torna prontamente in vita, ma meno “appetibile” per gli avversari. Le azioni disponibili sono il movimento, la raccolta di proiettili (in forma di cubetti colorati) e ovviamente lo sparare. Ad ogni sparo si gioca un’apposita carta, che grazie ai cubetti raccolti permette di dare effetti particolari al colpo, come la capacità di attraversare muri o di rimbalzare, e ogni sparo è un colpo sicuro. E quando arrivano i dadi? Proprio mai, perché Adrenaline è uno sparatutto totalmente German, o quasi. Buona Visione….

Dalek Dice - fonte: bgg

Dalek Dice – Recensione

di Davide “Canopus” Tommasin Dalek Dice

Quando sulla copertina di un gioco vedo i nomi Maggi e Nepitello confesso che mi viene un certo brivido di terrore mentre alla memoria mi tornano titoli a cui non ho saputo resistere e che poi dentro la scatola invece del regolamento ci trovavo trattati di fisica quantistica. Non dico che fossero “giochi brutti” ma solo “giochi complessi” che potrebbero mettere in difficoltà giocatori di livello hardcore. Mi riferisco soprattutto a Marvel Heroes, Age of Conan e, il più recente ma ammetto anche meno complicato, Venetia. Ma dato che sono un grandissimo fan del Doctor Who (la serie nuova, non quella classica… mea culpa), quando passeggiando per Essen ho visto lo stand della Cubicle 7 Entertainment che era pieno zeppo di immagini delle varie incarnazioni del Dottore e dei suoi nemici più agguerriti (oltre che delle sue compagne) non ho saputo resistere e ho fatto man bassa delle due novità che presentavano, tra cui questo Dalek Dice. Per fortuna, il gioco non appare per nulla complicato (anche perché se riuscivano a realizzare un hardcore game con solo 10 dadi erano davvero dei geni) anzi, direi che le meccaniche sono al limite del banale. Ovviamente, immagino che molti lettori non sappiano molto del Doctor Who e dei suoi nemici più pericolosi (e che personalmente adoro), i Dalek… spenderò qualche parola nel paragrafo ambientazione.

Not Alone: Miniboard #11

di Luca”Maledice” Lanara

La notte è lunga e piena di terrore, soprattutto se vi siete scordati di riempire il serbatoio all’astronave e finite per schiantarvi sul suolo di un pianeta sconosciuto. Sconosciuto e decisamente poco ospitale. I giocatori si ritrovano soli contro l’oscurità e chi la abita: lo stesso pianeta che lentamente ma inesorabile fa vacillare la volontà degli astronauti fino ad assorbire le loro essenze. Riusciranno a resistere nascondendosi fino l’arrivo dei soccorsi o soccomberanno all’entità? Doc e Maledice, abbandonati dai loro stessi compagni, vi raccontano cosa si prova ad essere soli… ma non troppo. Ecco quindi il miniboard di Not Alone: buona visione!

Galactic Coliseum: gladiatori fra le stelle

di Alberto “Doc” Galactic Coliseum

Mentre sono ancora stordito dalla mole di titoli visti a Spiel 2016, e in attesa di prendere la successiva sberla che arriverà da questa Lucca ormai prontissima alla apertura, navigando nel web mi sono imbattuto anche in qualcosa che non avevo ancora incrociato e che mi ha fatto ricordare Adrenaline della CGE; mi riferisco a Galactic Coliseum. Vediamolo insieme.

Shadowstar Corsairs: predoni della Distesa Shadowstar

di Alberto “Doc” Shadowstar Corsairs

Quando curioso nel web alla ricerca di novità e mi imbatto in termini come “spazio” e “pirati” (anche se qui si parla di corsari per l’esattezza), è difficile che non mi fermi a vedere di che si tratta. Se poi le due parole sono usate per lo stesso gioco allora avete la mia totale attenzione. Ecco perché oggi attracco al molo della 0 hr art & technology per scoprire cosa hanno fatto uscire dal loro cantiere. Se l’argomento vi aggrada, seguitemi e capiremo meglio di cosa tratta Shadowstar Corsairs.

project elite

On the Board #81: Project Elite

di Luca “Maledice79” Lanara

Dopo le diverse novità presentate ad Essen, Artipia Games presenta il suo nuovo progetto ideato come di consueto dalla coppia Konstantinos Kokkinis e Sotirios Tsantilas. L’ambientazione a loro ormai cara è quella fantascientifica mentre la piattaforma con cui arriva questa nuova opera è quella di Kickstarter. Ecco allora  Project: ELITE.

Il gioco ci porta in un mondo post apocalittico dove una razza aliena ha invaso la terra. I giocatori che fanno parte di una squadra speciale denominata ELITE saranno inviati ad affrontare missioni per proteggere obiettivi di vitale importanza contro la costante invasione extraterrestre. Le meccaniche si sviluppano attorno alla logica del “tower defense” in cui i membri della squadra dovranno respingere le varie ondate di nemici che si approssimeranno alle loro difese. Questo si traduce in un titolo cooperativo in tempo reale, basato sulla selezione di azioni determinata dal lancio di dadi.

Buona Visione..

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD