Tag Archives: gioco da tavola

Western Legends | Dicecraft #29

iconadi Luca “Maledice” | Western Legends

Non c’è nulla di più affascinante e meno invernale del selvaggio, polveroso e crudele Far West. Ma è tempo di storie da raccontare intorno al fuoco, scaldandosi l’animo con un buon whisky per risollevarsi dalla fatica di incartare i regali di Natale. Lasciamo quindi spazio alla fantasia e torniamo a un’epoca in cui l’avvenire poteva cambiare dall’oggi al domani, recando fama agli arditi e ricchezza ai coraggiosi, portandosi via l’una e l’altra al prezzo di un solo proiettile.

Gameplay Discover | Dispersi nel deserto

iconaicona
di Luca “Maledice” e Max “Luna” | Discover

Ai nauti piace l’avventura e scoprire nuove cose, a volte andando pure controcorrente! Dopo la fuga dal castello abbiamo provato ad esplorare una landa deserta per voi, giocando una partita a Discover: un gioco dal concept “unico”, dove personaggi, ambiente e storie sono ripartite a caso nelle scatole, rendendo ogni confezione quanto meno molto rara.

Pantone – the Game | recensione a colori

di Max “Luna” Rambaldi | Pantone – the Game

E’ quadrato, colorato e ogni suo dannato pixel è coperto da marchio registrato. Pantone™. Quello sì che è potere, mi basta sentirne il nome per tremare. Pantone. Brrr, dillo di nuovo. Pantone, Pantone, Pantone!

Shadespire | Dicecraft #24

di Luca”Maledice”

Shadespire un tempo era una città  piena di meraviglie e magia, una metropoli che sorgeva sulla terribile terra del Regno della Morte. Innumerevoli razze popolavano le sue mura, e assieme creavano manufatti dalla bellezza e dalla potenza infinita. Il segreto più prezioso della città era il processo della lavorazione del vetro d’ombra, una sostanza miracolosa in grado di conservare eternamente l’essenza spirituale dei morti. In questo modo, i Katophranes al governo di Shadespire vivevano dopo la morte, la loro saggezza custodita nelle profondità di specchi decorati, guizzante in fontane di vetro, pietre cristalline e altre meraviglie. Tale affronto faceva adirare Nagash, Signore della Nonmorte, che desiderava punire gli abitanti della città per averlo privato del suo tributo in anime. Così la città veniva punita e le anime dei caduti non potevano lasciare la Città Riflessa e giungere nell’Aldilà. Nessuno tra quelle mura avrebbe goduto della liberazione della morte. Nagash avrebbe per sempre negato loro tale dono. In questo scenario bande di razze diverse combattono tra di lor per cercare di trovare la via della libertà e trovare riposo. Buona Visione…

Living Planet: quando i dadi diventano carte

di Luca “Maledice”

Living Planet, da non confondere con Living Earth (ma anche Leaving Earth), è un gioco che ha chiuso la sua campagna kickstarter con un ottimo livello di finanziamento, e quindi da bravo spendaccione non ho resistito e sono andato a vedere di cosa parla. Il gioco francese della Lumberjacks Studio, è da 2 a 4 giocatori, e dalla durata di 60-90 minuti. I giocatori vestono i panni di scienziati che esplorano un pianeta dannatemene pericoloso e vivo, ma come classico della fantascienza, ricolmo di interessanti materie prime.

On the Board #93: The Colonists / I Coloni

di Luca “Maledice”

Eh si cari miei a sorpresa torna un bel On The Board che era da un po’ di tempo che non riuscivamo a pubblicare. Questa volta abbiamo a che fare con una scatola di un certo peso della Lookout Games e prossimamente portato in Italia dalla Cranio, in cui vestiremo i panni di un sindaco alle prese con il lavoro, l’educazione, la crescita demografica e l’urbanistica della nostra città. Ecco il contenuto di questo mattonazzo tutto german. Buona Visione…

Time of Crisis | Dicecraft #16

di Luca “Maledice”

Time of Crisis è dei tanti giochi provati quest’anno, un gioiello meraviglioso della GMT (e sempre caro mi fu quel ormai introvabile Specie Dominanti). Stiamo parlando di un gioco da veri Hardcore Game, senza ma e senza se. Quindi scordateci partite da poche ore e minuti rilassati. Qui si combatte, non solo sul campo di battaglia ma anche in senato e nelle strade dell’impero. Infatti ci troviamo in uno dei periodi più difficili della storia Romana, dove le provincie minacciate dalle continue invasioni barbariche e guerre civili, pesano sulla totale assenza di una figura forte imperiale, portando Roma a tremare, spianando la strada alla sua caduta. Troveremo dadi e deck-building in questo nuovo Dicecraft. Buona Visione….

Chimera Station: modificare geneticamente i propri lavoratori

di Luca “Maledice” – Chimera Station

Sappiamo che lo spazio è un posto dannatamente grande. E in questa vastità infinita mi chiedo quanti giochi da tavolo potrebbero starci. Supponiamo che sulla terra ci siano 2 miliardi di giochi (arrotondando) e la terra sia solo uno dei tanti pianeti abitati della galassia. La seconda cosa da tenere conto sono i pianeti che non sviluppano giochi o magari preferiscono attività fisiche. Ad esempio i Borg non giocano molto e in Star Wars vanno molto gli scacchi olografici o poco più. Valutato questo potrebbero esserci migliaia di civiltà che giocano (spero american) in tutto l’universo, portando alla luce centinati di centinaia di miliardi di giochi. Dopo questa premessa mi butto per disperazione, visto che non potrò mai provarli tutti, su un gioco di piazzamento lavoratori modificati geneticamente, nello spazio profondo. Giusto per stare in tema…

Privacy Policy