Tag Archives: Gioco da tavolo

kepler

Kepler-3042, il videotutorial

di Sara “Miss Meeple” Trecate

Guidare le proprie astronavi lungo la via lattea, colonizzare e sfruttare nuovi pianeti, gestire riserve di energia, materia e antimateria, tutto questo è Kepler-3042, gestionale ad ambientazione spaziale di Simone Cerruti Sola.

Miniboard #16: Magic Maze

di Luca”Maledice” Lanara

Un gioco curioso questo Magic Maze. Un cooperativo in tempo reale che non lascia spazio agli sbagli. Ecco la nostra impressione sul gioco disponibile a Modena

L’oracolo di Delphi, il videotutorial

Di Sara “Miss Meeple” Trecate

Stefan Feld abbandona l’insalata di punti e con il recente L’oracolo di Delphi propone una gara per 2-4 giocatori: chi sarà il più veloce a portare a termine le 12 imprese volute da Zeus e tornare al cospetto del Dio? Le imprese in cui ci cimenteremo prevedono: combattere 3 mostri, erigere 3 statue, consegnare 3 offerte ad altrettanti templi, costruire 3 santuari.

Il tabellone centrale rappresenta il mare da cui sorge Zeus ed è costellato da isole che dovremo esplorare. Consultando l’oracolo, ovvero tirando 3 dadi con facce di diverso colore dovremo decidere quali azioni svolgere tra cui navigare, caricare statue da erigere e offerte da portare ai templi, costruire santuari e sconfiggere mostri. Il tutto è guidato da uno schema di colori che ritroviamo in ogni elemento del gioco: le azioni vanno selezionate facendo combaciare il colore del dado all’elemento del tabellone con cui vogliamo interagire. Nel corso del gioco, 6 divinità ci aiuteranno con le loro abilità speciali, per svolgere azioni extra, o per migliorare le azioni già a disposizione.

In L’oracolo di Delphi, di cui Cranio Creations ha curato l’edizione italiana, chi per primo riuscirà a compiere tutte le 12 imprese e tornare da Zeus decreterà la fine della partita e sarà il vincitore, se nessun altro, avendo a disposizione lo stesso numero di turni, riuscirà a fare altrettanto.

Il regolamento completo è spiegato nel videotutorial di Miss Meeple:

Dicecraft: Mechs vs Minions Finale

di Luca” Maledice” Lanara Mechs vs Minions

Siamo alla resa dei conti. E’ tempo di dedicarsi in pieno a questo Mechs vs Minions scoprendo le fasi più delicate del gioco e scopriremo qualche spunto aggiuntivo degli scenari. Grazie a tutti come al solito per avermi seguito in questo viaggio. Ah dimenticavo di dirvi che il gioco lo si trova in vendita in pre-ordine sul sito della Riot . Grazie e Buona Visione…

Yokohama, il videotutorial

di Sara “Miss Meeple” Trecate

A cavallo tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo, la città portuale di Yokohama si apre a fiorenti scambi commerciali con l’estero. Merci pregiate vengono esportate e i mercanti fanno a gara per portare avanti un business di successo.

Nei panni di un mercante dell’epoca Meiji, in Yokohama ci sposteremo tra le varie aree della città, accompagnati da fedeli assistenti per portare a termine molteplici compiti: produrre merci, prelevare denaro, costruire edifici, raccogliere ordini da completare, esportare merci di valore, sviluppare nuove conoscenze tecnologiche, senza dimenticare di dedicare del tempo al culto negli edifici religiosi.

Su un tabellone modulare in cui le zone della città trovano una collocazione diversa ad ogni partita, ad ogni turno i giocatori possono posizionare due o tre assistenti e far spostare il proprio presidente (il mercante) seguendo le loro tracce. Nel luogo dove il presidente si fermerà, si potrà eseguire l’azione indicata. Gran parte delle azioni danno punti vittoria e si dovrà scegliere quale strada seguire. Obiettivi e bonus da conseguire nel corso della partita aumentano l’ “insalata di punti” che fa di Yokohama un gioco molto aperto e competitivo. Hisahi Hayashi (Trains) crea un Istanbul dal sapore giapponese, che si delinea come un titolo che dà del filo da torcere, ma anche tante soddisfazioni al completamento di ordini e obiettivi intermedi, nonché al raggiungimento dei bonus di fine partita.

Il regolamento completo è spiegato nel videotutorial di Miss Meeple:

Ice Cool - fonte: bgg

Ice Cool – Recensione

di Davide “Canopus” Tommasin Ice Cool

Ice Cool, voluto gioco di parole per richiamare per assonanza il termine High School (scuola superiore), è stato una delle rivelazione per visibilità dell’ultimo Spiel, al punto da presentare, oltre ai tavoli dimostrativi alla AMIGO, anche un intero stand di grandi dimensioni nel padiglione principale. Senza tirare in ballo le classifiche, su cui personalmente non ho alcuna fiducia, posso dirvi che le copie che ho visto girare per la fiera non erano poche, che poi sia una questione di effettivo merito o di ottimo marketing sarà spunto di riflessione durante la recensione. Certo è che la sua fama è giunta fino al nostro bel paese dato che Oliphante ha annunciato da un po’ la localizzazione in italiano. Ice Cool è ambientato in una scuola per pinguini, fatto che spiega l’assonanza, e si basa su una meccanica che in questi tempi va molto di moda nei giochi di abilità: le schicchere (o flick per chi preferisce un termine più tecnico). La sua particolarità rispetto ad altri giochi di schicchere, giusto per fare qualche nome Flick ‘em up e Catacombs, è che in questo gioco non si colpiscono con l’indice dei dischetti ma delle miniaturine a forma di pinguini e “appesantite” sulla base, in modo che dopo il colpo tornino sempre perfettamente in piedi. Questa particolarità tecnica consente delle vere e proprie acrobazie come curve ad effetto, traiettorie a spirale e veri e propri salti per scavalcare pareti o altri pinguini (cliccate qui per stupirvi). Inoltre, il titolo utilizza l’intera scatola, più altre al suo interno, per costruire un’appariscente plancia di gioco dove si svilupperà una meccanica del tipo “prova e prendermi”, cioè un giocatore cercherà di colpire i pinguini avversari prima che questi riescano a completare una sorta di percorso. Vi ho incuriosito abbastanza? Continuiamo…

Orcs Must Die! Ancora una volta dal videogame al tavolo

di Luca “Maledice” Lanara Orcs Must Die

Gli orchi e i goblin sono tanti e sono stupidi e guerrafondai! Molte saghe fantasy lo hanno confermato, mostrando veri e propri massacri di pelleverde. Qualcuna ha cercato di rendere queste bestie da macello intelligenti e sociali, ma il risultato non cambia! La guerra tra orchi e uomini permane! E da questo banale incipit nasce un “videogioco” davvero fuori dagli schemi. Il difensore, un mago/guerriero anziano cadendo dalle scale muore, e sta al suo giovane apprendista mago/guerriero difendere le brecce create dagli orchi (e goblin). E lo fa con uno stile davvero particolare: piazzando trappole dappertutto e combattendo in prima linea. Si ragazzi, stiamo parlando di un gioco ibrido tra tower defence e action RPG. E finalmente è arrivata anche la sua controparte da Tavolo. Sbirciamo la scatola di Orcs Must Die!

La Festa per Odino, il videotutorial

di Sara “Miss Meeple” Trecate

Aprendo la pesantissima scatola di La Festa per Odino si entra nel favoloso mondo di Uwe Rosenberg. Echi di suoi vecchi titoli si percepiscono nei materiali, nel regolamento, nelle meccaniche che fanno di questa “Festa” la summa del suo lavoro.

Nei panni di un gruppo di vichinghi, dovremo portare avanti le attività quotidiane tipiche della loro società: la caccia, l’allevamento, l’esplorazione di nuove terre, l’approvvigionamento di cibo e merci, la cura della casa… Un tabellone con più di 60 azioni disponibili tra cui scegliere riassume tutto ciò che possiamo fare in questo piazzamento lavoratori ad ampissimo respiro. Le strade da seguire sono infinite e prevedono l’uso delle meccaniche più disparate: lanci di dadi, carte giocate dalla mano, incastri di figure geometriche in plancia.

E’ un titolo per molti versi estremo, forse esagerato nelle possibilità di azione che offre. E’ un regalo per i fan dell’autore che riconosceranno il tocco di Rosenberg e anche se non sarà considerato il suo gioco più elegante, è sicuramente il più completo.

Il regolamento dettagliato è presentato nel videotutorial di Miss Meeple:

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD