Tag Archives: Gioco di controllo territorio

Plague Inc: pronti ad infettare il mondo

di Alberto “Doc” Plague Inc

Non siamo di certo alla prime armi per quanto riguarda il salvare il mondo da morbi incurabili viste le diverse versioni di Pandemia con cui in questi anni abbiamo avuto a che fare. Ma se noi fossimo la malattia invece che il cura? in risposta a questa domanda uscì tempo fa Pandemia Contagio, dove i giocatori non impersonavano più il team a difesa dell’umanità ma uno dei temibili virus che si diffondeva per le grandi metropoli del mondo. Su questa stessa idea, ma tratto dall’omonimo videogioco, arriva per questo 2017 Plague Inc. Vediamo allora di capire come funziona e se può essere un degno rivale di Pandemia Contagio.

A Dog’s Life – recensione one shot

di Max “Luna” Rambaldi A Dog’s Life

C’è da dire che io ho sempre parteggiato per i gatti, ma quando ho visto la copertina e letto il titolo di questo board game a Lucca Comics & Games, A Dog’s Life, non ho potuto fare a meno di sorridere e pensare che potesse essere davvero divertente. Per cui zampe in spalla e cominciamo.

 

Tutte le novità Zoch Verlag per Essen 2016

di Alberto “Doc” Zoch Verlag

Come già avete visto in questi ultimi mesi, abbiamo iniziato a pubblicare diversi articoli su quanto potremo trovare a Spiel 2016 e in queste settimane che ci separano dalla manifestazione, moltiplicheremo i nostri sforzi in questo senso per darvi quante più anticipazioni possibili sui titoli in arrivo. Incuriosito da alcuni spunti originali dei loro titoli, oggi vi illustro quanto verrà proposto dalla casa editrice tedesca Zoch Verlag.

Cosmic Balance

Il giusto equilibrio tra inferno e paradiso? Cosmic Balance è la soluzione

di Daniel “Renberche”

Nel gioco che che andrò a descrivere non solo avrete a disposizione dei poveri mortali da inviare a combattere per la vostra gloria ma viepiù la possibilità di scegliere se spedirli, una volta morti, nel caldo inferno o nel tiepido paradiso, bilanciando, in tutti i sensi, le anime defunte. E pensare che alla fine fanno la guerra per dei miseri territori! Per scoprire come ottenere questo potere non vi resta che leggere il resto dell’articolo e, al solito, buona lettura!

Imhotep: mastri costruttori nell’antico Egitto

di Alberto “Doc” Imhotep

E’ di poche settimane fa l’annuncio dei candidati a concorrere allo Spiel des Jahres 2016 (permio per il miglior gioco dell’anno). Se su Codenames abbiamo già avuto molte possibilità di avere informazioni sul gioco e di provarlo direttamente (su Gioconauta stesso ci sono diversi articoli a riguardo), meno occasioni invece hanno portato alla ribalta gli altri due titoli, Karuba e Imhotep che molti fra di noi avranno sentito per la prima volta proprio all’annuncio delle nomination. Non vi preoccupate, con un paio di articoli ci rimetteremo alla pari per meglio capire che cosa sono e cosa li ha portati alla candidatura. Con questo primo articolo affronteremo Imhotep edito da Kosmos.

ZhanGuo – Recensione

di Sara “Miss Meeple” Trecate ZhanGuo

Introduzione

Cina, 221 a.C., il sovrano Ying Zheng diventa il primo Imperatore cinese conquistando e riunificando tutti i Regni in cui era diviso il territorio. Si pone così fine al periodo degli Stati Combattenti (ZhanGuo) e inizia la dinastia Qin. Ma l’unità reale del Paese è ancora lontana, il malcontento si diffonde, così come le rivolte delle popolazioni confinanti. E’ per frenare queste ultime che l’Imperatore ordina di erigere la Grande Muraglia.

Shadowstar Corsairs: predoni della Distesa Shadowstar

di Alberto “Doc” Shadowstar Corsairs

Quando curioso nel web alla ricerca di novità e mi imbatto in termini come “spazio” e “pirati” (anche se qui si parla di corsari per l’esattezza), è difficile che non mi fermi a vedere di che si tratta. Se poi le due parole sono usate per lo stesso gioco allora avete la mia totale attenzione. Ecco perché oggi attracco al molo della 0 hr art & technology per scoprire cosa hanno fatto uscire dal loro cantiere. Se l’argomento vi aggrada, seguitemi e capiremo meglio di cosa tratta Shadowstar Corsairs.

Barony – Recensione

di Davide “Canopus”

Giugno 2015, Asterion Gaming Days, quasi mi sedevo contro voglia al tavolo per provare Barony. I commenti di chi lo aveva provato prima di me, malefico Renberche, mi avevano decisamente smontato parlando di un gioco tutto incentrato sul combattimento, risolto tramite la maggioranza di pedine in un’area, e molto freddo e matematico. Di solito il secondo punto per me non è un problema, ma se devo passare tutto il tempo a combattere tendo a trovare l’esperienza ludica un po’ stressante… per la serie interazione diretta si, ma non a farne indigestione. Lo ‘spiegatore’ era in gamba, chiaro e coinciso, inoltre adorava il gioco, cosa che aiuta sempre quando lo si deve spiegare per due giorni di fila a degli estranei. Partita a 3 con io, lui e il Doc. Si inizia come mi aspettavo, titolo calcolatore e matematico, primo posizionamento che tiene conto del vantaggio di iniziare per primi ribilanciando le cose. Dovrebbe essere un controllo territorio ma in realtà la questione non è tanto mantenere le posizioni, quanto guadagnare ‘risorse’ dalla colonizzazione e posizionare alcune strutture in punti cardine per bloccare il passaggio agli avversari. Il combattimento è fondamentale, ma non il centro del gioco e, anzi, non ne facciamo un utilizzo per niente intensivo. La partita fila liscia, nulla lasciato al caso e meccanica assolutamente scacchistica; il gioco termina con una barriera enorme che taglia a metà il tabellone, degna del Trono di Spade, e il Doc che mi soffia la vittoria di una sola mossa, colpa mia che alla fine fui troppo cautelativo ed evitai di rischiare. Mi alzai dal tavolo per nulla sazio, con tanta voglia di rigiocarlo e tentare nuove strategie e configurazioni della mappa per questo titolo dal sapore assolutamente german e un forte retrogusto di scacchi. Per dare qualche dato biografico di Marc André abbiamo già parlato in occasione del suo ottimo Splendor, mentre l’illustratore, Ismaël Pommaz, ha dato la grafica anche al discussissimo Archipelago. Ma ora, messere e messeri, ben venuti nel regno di Barony.

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD