Tag Archives: kickstarter

Tramways Engineer’s Workbook : Un tram chiamato librogioco

di Franz “riivaa”

Non ho mai apprezzato adeguatamente il languido piacere della pennica pomeridiana.

Sarà stata colpa del fatto che coincidesse esattamente con il momento in cui mio padre abbandonava i cruciverba durante gli afosi pomeriggi d’estate, permettendomi di praticare la nobile arte dell’enigmistica (clandestinamente e con scarsi risultati).

Play 2018 - fonte: sito dell'evento

Play 2018 – Live Blogging dell’evento

di Gioconauta

Ormai è un appuntamento sicuro ogni anno, come il compleanno o ferragosto, sto ovviamente parlando del nostro Live Blogging dell’evento modenese ludico per eccellenza, la Play. Quest’anno di ben tre giorni, dal 6 all’8 aprile, presso il quartiere fieristico di Modena. Non vi annoierò con numeri di persone e metri quadri, di editori e giochi, se sei un neofita ti basta sapere la Play è il più grande evento italiano dedicato al nostro hobby (ci sarebbe anche Lucca Comics&Games che sicuramente la supera per spazi e affluenza, ma è decisamente meno focalizzata sul gioco da tavolo). E anche quest’anno noi Gioconauti ci saremo, tutti e tre i giorni, compreso il venerdì mattina che sarebbe all’evento per solo gli operatori del settore, e vi faremo sapere tutto in tempo reale: spiegazioni si cosa proviamo, foto e, soprattutto, le opinioni. Buona lettura e se ci vedete girovagare per i padiglioni fermateci per un saluto.

The loud bird gets the worm… Songbirds!

di Franz “riivaa”

Quando ero piccolo avevo un libro…
Beh a dire il vero ne avevo ben più di uno, ma questo me lo ricordo sempre con un certo calore affettivo.

Si chiamava Uccelli Passeriformi. All’interno di questo volume, una serie di colorate illustrazioni di uccellini venivano accompagnate da illuminanti nozioni naturalistiche su cosa mangiassero, di che colore e dimensione fossero le loro uova e come costruissero il loro nido. Mi piaceva molto quel libro.

Questo prima che scoprissi che mio nonno era cacciatore… e che “poenta e osei” (trad: polenta e uccelli) fosse il piatto nazionale.

Last call for Mysthea

di Franz “riivaa”

Questa è sempre la parte più difficile.

Quando l’iridescenza eterea della Nebulosa del Velo vi solletica il pancino, a stento vi trattenete dallo sprigionare la vostra coscienza in un addensamento percettivo per vederla.

In quel momento, la luce di Icaion si staglia come un brillante sidereo su un mare di nebbia cosmica, pronta ad accogliere la vostra proiezione astrale sulle isole fluttuanti di Mysthea…

Sorcerer City – Condoni edilizi in tempo reale

di Franz “riivaa”

Avete presente le scale di Harry Potter, quelle “a cui piace cambiare”? Ecco, sostituitele con grattacieli specchiati, parchi lussureggianti e godibili villette a schiera… e avrete la Dubai degli anni 2000.

Ma non siamo qui per parlare della più grande oasi ad aria condizionata della penisola arabica, siamo qui per parlare di Sorcerer City, il nuovo gioco di Scott Caputo (Whistle Stop e Völuspá) in questi giorni su Kickstarter.

Cosa c’entra Dubai con Sorcerer City vi chiederete voi. È presto detto.

Palm Island, i tropici in palma di mano

di Franz “riivaa” 

I tavoli sono un’invenzione sopravvalutata… Lo so io, lo sapete voi, lo sanno i tavoli.

Per questo in un’era passata il grande capostipite dei tavoli, un vecchio e nodoso ceppo di quercia, decise di gettarsi tra le lame sacrificali di una cubettificatrice. Da questo sacrificio nacquero i dadi, i cubetti di legno e i meeple, che una volta riunitisi nelle loro preistoriche grotte di cartone diedero inizio alla civiltà dei giochi da tavolo.

Non passò molto prima che questa civiltà riuscì ad addomesticare qualche curioso umano, inducendolo col tempo a convertire altri sapiens al verbo ludico del legno. Da allora, in ogni dove più o meno giovani umani promuovono serate ludiche nelle loro case, aiutando navi di cartone ad attraversare l’oceano del crowdfunding. Questa invasione col tempo ha dato un nuovo senso ad un suppellettile che altrimenti si sarebbe estinto da tempo, il tavolo, che tutt’ora ci domina con la sua statica egemonia.

Dice Settlers, coloni rotolanti verso fertili terre

di Daniel “Renberche”

Unire il gesto american del tirare un dado a quello german del gestire una risorsa non è cosa insolita nei giochi moderni, c’è chi dice che sia un’eresia tirare dadi al di fuori di un dungeon, chi la adora perché permette di giocare a dei giochi seri senza scervellarsi troppo e chi invece rimpiange i cari vecchi meeple.

City of Gears

City of Gears, ingranaggi alla riscossa

di Franz “riivaa” – City of Gears

Dal cilindro del crowdfunding oggi tiriamo fuori City of Gears, della Grey Fox Games. Dalla casa che ha prodotto tra le altre cose Champions of Midgard e Deception: Murder in Hong Kong, ci arriva un piazzamento robot leggero e poco macchinoso dal marcato aroma Steampunk.

Ma procediamo con ordine…

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD