Tag Archives: Portal Games

Magnifico

Gli otto del Magnifico 2019

di Daniel “Renberche” | Gli otto del Magnifico 2019

E anche quest’anno ludico, per quanto riguarda il premio Goblin Magnifico, sta volgendo al termine. Dopo mesi di discussioni la nutrita giuria, di cui faccio parte, ha tirato fuori gli otto di questa edizione e ora si prepara al rush finale. Ovviamente vi aspettiamo alla Play di Modena per provare tutti i titoli selezionati e per scoprire quali di questi verrà selezionato come Magnifico. Cosa troverete sui tavoli? Beh leggete e lo scoprirete. Buona lettura!

Capitoli: Parte 1 | Parte 2
Detective

Detective: sulla scena del crimine | Recensione

di Daniel “Renberche” |  Detective: sulla scena del crimine

Più che tante parole, visto che il gioco di suo ne avrà a iosa, ascoltate questa sigla prima di iniziare. Poi buona lettura!

Capitoli: Parte 1 | Parte 2

Gameplay Monolith Arena | il Ritorno di Neuroshima

iconadi Luca “Maledice” | Monolith Arena

Neuroshima Hex 3.0 è forse uno dei giochi più diffusi e conosciuti nel mondo dei giochi da tavolo. Si tratta di un gioco di confronto, tattico con poteri variabili dettati dalle fazioni. Cosi l’autore Michał Oracz abbandona le spiagge di The Edge (prima o poi mi arriverà il Kickstarter) e Cry Havoc per ritornare in porti sicuri e lanciare attraverso la Portal questo Monolith Arena, chiamato dai più Neuroshima Hex 4.0. Fiducioso di un ambientazione più divertente e una plancia di gioco dannatamente stretta e infame ho chiesto a Renberche di fare una partita. Ecco il risultato, buona visione….

Kanagawa – Recensione

di Davide “Canopus” Tommasin

Per chi ha un minimo di dimestichezza con il mondo dell’arte, o una discreta cultura generale, il nome Kanagawa non suonerà di certo nuovo. La Grande Onda di Kanagawa è una delle opere d’arte giapponesi più famose del mondo, opera di Katsushika Hokusai, raffigura una immensa onda che travolge dei pescatori con sfondo il monte Fuji visto dalla prefettura di Kanagawa, appunto. Bruno Cathala (7 Wonders Duel, Kingdomino, Five Tribes, Cyclades, tra gli altri) e Charles Chevalier (Antarctica ed altri), dopo averci portati ormai tre anni fa (sembrano secoli) nelle profondità dei mari con Abyss, ci accompagnano nella scuola di pittura del maestro Hokusai nel tentativo di stupirlo realizzando l’opera più armoniosa. Per farlo dovrete ampliare le vostre competenze pittoriche e, ovviamente, dipingere un’opera. Per ottenere tutto questo avrete bisogno di prendere delle colonne di carte da una tovaglietta di bambù, decidere quali carte utilizzare per incrementare le vostre competenze e quali dipingere (beh, per modo di dire dato che sono xilografie) sulla propria tela, il tutto cercando di rispettare determinati “canoni estetici” per guadagnare diplomi e punti a fine partita. Ma ora prendete i vostri pennelli…

On the Board #92: Cry Havoc

di Luca “Maledice”

Cry Havoc, edito dalla Portal Games e ideato dal trio Grant Rodiek, Michal Oracz e Michal Walczak. Precedentemente conosciuto col nome di Battle of York, il gioco ha avuto un lunga gestazione, iniziata nella primavera del 2012, ma arrivato nelle case dei giocatori nella scorsa fiera di Essen: il gioco racconta di un pianeta lontano, lontano dove degli indigeni sono belli e e felici, fino all’invasione di tre razze aliene (umani ovviamente compresi) pronti a conquistare le preziose risorse, in puro stile Avatar. Un gioco di conquista sci fi asimmetrico che ha diviso tutta la redazione di Gioconauta in questo nuovo On the Board. Buona Visione…

Alien Artifacts: il 4X si fa di carte con Portal Games

di Alberto “Doc”

Di giochi in chiave 4X ne sono nati diversi in questi anni e ne abbiamo trattati più di qualcuno anche sulle nostre pagine (vedi Impulse o Heroes of Land, Air & Sea) quando proponevano spunti interessanti di cui parlare. Spunti che direi mette sul piatto anche Alien Artifacts, prossima produzione targata Portal Games che come sfida cerca di trasferire le tipiche caratteristiche di Expand (Espansione), Explore (esplorazione), Exploit (sfruttamento risorse), Exterminate (sterminio), in un gioco di carte. Sarà un esperimento riuscito? proviamo a capirlo.

essen spiel 16

Spiel 16: Live Blogging dell’evento da Essen

di Davide “Canopus” Tommasin Spiel 16

L’autunno probabilmente è il mese più bello per il mondo boardgame-istico. Per prima cosa perché il caldo cala drasticamente e per molti giocatori ricomincia il periodo degli appuntamenti infrasettimanali e dei weekend giocosi con la propria cerchia di amici; spesso alcuni dei quali non appassionati di giochi ma più disponibili a passare la serata davanti un tavolo apparecchiato se fuori piove e/o fa freddo. Ma soprattutto l’autunno è il mese dello Spiel ad Essen e del Lucca Comics and Games. Ma andando per ordine cronologico, parliamo subito del primo, lo Spiel 16, che non è una fiera, è LA fiera di riferimento per il settore. Praticamente come le vacanze estive chiudono l’anno scolastico, lo Spiel chiude e apre il nuovo anno ludico. Quattro giorni di fiera, dal 13 al 16 ottobre, e praticamente 4 padiglioni pieni zeppi di giochi da provare, al momento in cui scrivo la lista ne conta 765, fanno dello Spiel la fiera più importante a livello europeo per superficie “giocabile” e afflusso di giocatori. E ovviamente ad un evento simile non può mancare il nostro consueto live blogging in cui potrete sapere in tempo reale o quasi, mio pollice permettendo dato che lo scrivo da un cellulare, quello che giochiamo e vediamo, corredato di foto. Quest’anno ci sarà un cambio formazione, quindi ad essere presenti in territorio teutonico con le nostre magliettine “attillate” (soprattutto nel mio caso) con la G rossa saremo io, il Doc e Alkyla (e Max alla console da casa, in diretta minuto per minuto). Buona lettura!

Robinson Crusoe alla ricerca del Dr. Livingstone con un libro-game

di Marco “alkyla” Oliva

E’ il 1871. Alcuni anni fa il famoso scienziato David Livingstone ed i membri della sua spedizione, si sono persi nel cuore dell’Africa. Dopo sei anni, le persone di tutto il mondo civilizzato ricevono una lettera dallo scienziato, che scrive di essere malridotto, gravemente malato e dice addio al mondo. Una missione di soccorso viene organizzata immediatamente. Lo scienziato deve essere trovato e tratto in salvo. Questo è il vostro compito!

Non potevo scegliere parole migliori di quelle con le quali lo stesso autore Ignacy Trzewiczek introduce Tracing Doctor Livingstone, l’ottavo scenario ufficiale del cooperativo Robinson Crusoe: Adventure on the Cursed Island, nel quale ultimamente noi Gioconauti ci siamo imbattuti più volte con piacere. Se non lo avete ancora provato, ecco perché è importante portarlo alla vostra attenzione.

Privacy Policy