Tag Archives: Realm of Wonder

On the Board #51: Realm of Wonder

di Luca “Maledice” Lanara

Tanto tempo fa nel reame della meraviglia, un gruppo di esseri molto discutibili e leggendari (come Yeti, Golem, Troll o Folletti) parte alla ricerca di avventure per diventare una leggenda e per compiacere il re con le sue quest. Eh si, proprio questo in soldoni (così direbbe il Doc) la storia di questo nuovissimo video. Realm of Wonder è un gioco di percorso, da 2-6 giocatori, che mette alla prova amicizie e fidanzamenti vari. Con un mondo diviso in cerchi mobili e una grafica davvero impressionante è finito sul nostro tavolo verde. Buona Visione..

Babele Spiel ‘14 CAP. II – Non ragioniam della loro grafica, ma guarda e passa

di Daniele “ditadinchiostro” Ursini

“E’ l’Inferno dei giochi da tavolo”. La voce profonda proruppe dalle mie spalle mentre innanzi a me un tetro squarcio si stendea a perdita d’occhio. Un uomo di bassa statura e abbondante stazza m’oltrepassò celandosi nel suo mantello. “Seguimi”. La discesa agli inferi ebbe inizio, lui fluttuando a gambe larghe, io arrancando sul terreno fangoso. Con fatica lo seguii nel primo di tre concentrici cerchi che perforavano la terra come cuneo nella carne. “Codesto” disse con voce atona “è il girone delle Sirene, ove i giochi seducono col loro aspetto, prima d’imprigionar nell’oblio dei contenuti. Solo pochi turni e si è smarriti per sempre”. L’aria crepitava di paura e lingue infuocate richiamate dal nulla. Camminammo un ampio cerchio fra gemiti di scatole e giocatori, fui io a infrangere il silenzio oltrepassando un anfratto nella roccia. In catene uomini nudi lanciavano dadi, ammaliati da carte provocanti. “Cos’è stato di quegli uomini?” chiesi.

Spiel 2014: dall’antica cina, ai reami incantati fino al giappone medievale

di Alberto “Doc”

Data la mole di regolamenti da leggersi per l’imminente partenza verso Essen e il tempo sempre più avaro, ho deciso anche io (seguendo l’esempio di Renberche e Canopus) di optare per un articolo contenitore dove raggruppare più titoli di cui mi sto occupando in questi frenetici giorni pre-partenza.

Il primo di cui vi voglio parlare è ZhanGuo della What’s Your Game?, progettato da Marco Canetta e Stefania Niccolini. L’ambientazione ci porta nel mondo dell’antica Cina e precisamente nel periodo della sua unificazione intorno al 200 a.C., in cui l’ambizioso re del Qin, Ying Zheng, divenne il primo imperatore di tutta la Cina. Ma per mantenere il controllo e gestire un così vasto territorio c’è bisogno di lingua e scrittura comuni, stesse unità di misura e di leggi uguali per tutti. Nelle vesti di emissari imperiali, ci adopereremo con quanto a nostra disposizione per svolgere al meglio questo arduo compito senza dimenticare di accrescere anche il nostro potere e prestigio personali.

Privacy Policy