Tag Archives: UPlay edizioni

Tides of Time – Recensione

di Max “Luna” Rambaldi

Ci son cose che sembrano edificate partendo dai pomelli delle porte invece che dalle fondamenta, come certi film costruiti a tavolino attorno alla celebrità di turno che poi di concreto han poco. Ecco, Tides of Time è un film che non riguarderei, sebbene sia un corto. Però così non si capisce nulla se mi perdo nelle metafore. Ricominciamo.

Sushi Go! – Recensione

di Daniel “Renberche”

Con il termine filler si intende, nell’ambito dei giochi da tavolo, quei titoli che fanno della semplicità delle regole e della durata ridotta il loro essere. Giustamente il termine riempitivo ben gli s’addice, in quanto permettono di colmare quei vuoti temporali prima o dopo la partita ad un gioco più pesante, che richiede in genere 90 minuti di tempo. Tra la pletora dei titoli esistenti da qualche mese a questa parte ne ho trovato uno che sembra soddisfare a pieno l’esigenza di avere qualcosa di veloce e semplice da proporre a tutti, mentre si aspetta che arrivi il ritardatario o quando, stremati da una partita a Le Havre, ci si vuole rilassare con qualcosa di leggero. Se poi siete amanti della cucina giapponese, beh avete trovato il vostro gioco preferito!

2 x 2 = 7 Meraviglie + 2 bande di razziatori

di Daniel “Renberche”

In quest’articolo descriverò due giochi per due giocatori che potrebbero interessare a quella fetta di pubblico che gioca prevalentemente (o molto) per l’appunto in coppia. Qui su Gioconauta c’è una piccola rubrica dedicata e ho voluto anche questa volta andare con un bis di titoli, il primo è di uno degli autori più famosi, il secondo è la rivisitazione di un famosissimo gioco di carte. Speriamo almeno che siano divertenti e all’altezza dei loro autori.

Mombasa, semplicemente

di Daniel “Renberche”

L’Africa è stata (e lo è ancora) una terra di ricchezze naturali, che nel tempo sono state sfruttate da lesti mercanti. L’obiettivo di far denaro ha spinto molti ad investire nelle compagnie che avevano la loro base in alcune città importanti e questo sarà alla base di uno dei titoli che, almeno all’apparenza, potrà essere tra i protagonisti dell’autunno ludico in arrivo.

Buona lettura.

Zombi 15′ – Recensione

di Amir “Liunai”

Periferia di Los Angeles: la popolazione è stata colpita da un terribile virus, bla bla… No! Stavolta la storia è un po’ diversa. La piaga in realtà colpisce solo i maggiorenni. Come? Perché? Chi lo sa! Fatto sta che i protagonisti di questo gioco sono dei fumettosi e cattivissimi quindicenni, che (con un pizzico di ironia da parte degli autori) non trovano stimolante nemmeno l’apocalisse zombie, tanto da rimanere in casa davanti alla TV. Non fosse che, alla lunga, la fame si fa sentire. Decidono di uscire di casa ed è così che iniziano i loro guai!

Video Speciale Play 2015 – Parte 1

di Luca “Maledice79” Lanara

Salve!! Anche quest’anno non mi avete picchiato, anzi sono sconvolto della valanga di persone che ci hanno fermato e fatto i complimenti. Grazie davvero, fa davvero piacere incontrare appassionati e malati di gioco come noi !! Detto questo ecco il nostro video reportage di Play 2015, o meglio la prima parte (la seconda arriva domani)!! Quindi mettete in pausa il Trono di Spade e gustatevi le nostre avventure. Buona Visione…

p.s.: l’audio dell’intro e un po’ più basso

Play 2015: Live Blogging dell’evento

di Davide “Canopus”

È passato un altro anno e oltre ad accorgermi che sto invecchiando è arrivata un’altra Play. Se siete neofiti al punto da non sapere cos’è Play ve lo spiego subito. La Play è un evento espositivo in cui potrete trovare soprattutto giochi in scatola e giochi di ruolo, ma non solo, infatti si chiama Festival del Gioco, situata nell’impianto fieristico di Modena e della durata di 2 giorni, che quest’anno cadono l’11 e il 12 aprile. E dato che certe abitudini sono dure a morire, per la terza volta potrete trovare qui su Gioconauta il live blogging dell’evento, ossia leggere quasi in tempo reale cosa proviamo e le nostre impressioni, con tanto di foto a corredo.

Seven Seas: il Canto delle Sirene – Recensione

Di Davide “Canopus”

Prendiamo due ambientazioni a caso: la sviluppo di gilde nel medioevo e la costituzione di ciurme di pirati per affrontare incredibili quanto improbabili avventure. Cosa potrebbero avere in comune due giochi con queste due ambientazioni? Dite nulla? E invece il secondo è il restyling puramente grafico del primo! Con gli astratti tutto è possibile. Quindi, se prima raccoglievate gruppi di lavoratori con il medesimo mestiere ma di colore diverso per spenderli e ottenere avanzamenti tecnologici sottoforma di punti, ora raccoglierete pirati con il medesimo ruolo ma di colore diverso per spenderli nel tentativo di affrontare tipiche sciagure di mare, come navi fantasma o sirene. Ma quindi di che si tratta? Un filler di carte da 2 a 4 giocatori piuttosto astratto di collezione carte, abilità speciali e combo. Ma prendete pure posto sul ponte e vedrete…

Privacy Policy