Sewer Pirats: ratti all’arrembaggio

di Federico “Kentervin”

Sewer Pirats è un gioco per 2-5 giocatori che ci mette alla guida di una ciurma di pirati senza scrupoli, impegnati a navigare nelle fogne alla ricerca di preziosi tesori.

Si, perché i pirati in questione sono dei topi ed i preziosi tesori altro non sono che cibo (hamburger, patatine, eccetera) di cui i nostri roditori sono ghiotti.
La plancia di gioco è rappresentata da 3 navi, ognuna delle quali composta da 4 locazioni (3 per l’equipaggio ed una per il capitano della nave).
Di fronte ad ogni nave vengono posizionati 2 gruppi di 4 tessere (rappresentanti 3 tesori, più una tessera bonus).
Ogni giocatore pesca 3 carte e ad ogni turno è possibile compiere una di queste 4 azioni:

  • Pescare 2 carte (scelte indifferentemente tra le 4 carte scoperte o prese dalla cima del mazzo). Esse rappresentano una delle tre navi e sono utilizzate per salirvi a bordo o per diventarne il capitano.
  • Giocare carte per fare salire uno dei suoi membri dell’equipaggio su di una nave, o farlo avanzare di uno spazio al suo interno.
  • Giocare carte per promuovere un proprio marinaio a bordo di una nave al ruolo di capitano.
  • Se un giocatore ha un capitano su di una nave, questa salpa immediatamente: il capitano prende la tessera bonus ed una tessera a sua scelta, dopodiché ogni altro componente della ciurma (seguendo l’ordine all’interno della nave) prende una tessera scegliendo tra quelle rimaste. Dopodiché tutti i topi scendono dalla nave.

Ogni tessera riporta anche un punteggio, mentre le tessere bonus aumentano il punteggio di determinati cibi (ad esempio il ketchup fa aumentare il valore delle patatine fritte).
Il gioco presenta delle belle miniature raffiguranti 6 tipi diversi di topi: nel gioco base non vi sono differenziazioni di sorta, ma nella modalità avanzata ogni membro dell’equipaggio può vantare una specifica abilità (c’è quello che prende due tessere tesoro, quello che ottiene uno sconto di una carta quando deve imbarcarsi, eccetera).
In questo caso, utilizzando le apposite carte, vengono sorteggiati 4 dei 6 personaggi e tutti i giocatori utilizzeranno quei topi per comporre l’equipaggio.
L’ultima modalità prevede invece un’asta per scegliere la propria ciurma.
Vengono pescati a caso i vari topolini ed ogni giocatore ha a disposizione 8 carte che utilizzerà in fase di asta per aggiudicarsi i vari pirati; le carte non spese andranno a comporre la nostra mano iniziale.

Il gioco risulta abbastanza semplice ed in grado di accontentare i casual gamers ed i più piccini.
Le miniature sono di buona qualità e sono presenti dei dischi di plastica colorata da agganciare alla base dei vari pirati per indicarne il possesso.
La durata si assesta sull’ora circa (spiegazione compresa) e la presenza dei vari effetti speciali permette di renderlo appetibile anche ai giocatori più smaliziati.
Certo, non ci troviamo di fronte a Mice & Mystics o a meccaniche particolarmente raffinate, ma Sewer Pirates non ha di queste ambizioni.
La presenza di due pile di tesori permette una certa pianificazione (si sa sempre che tesori stanno per arrivare) anche se la fortuna è presente visto che il movimento è dettato dalla propria mano di carte.
In definitiva un gioco adatto alle famiglie e che potrebbe rivelarsi indicato anche ai più esigenti, accompagnato da una buona componentistica (navi robuste e miniature davvero ben fatte) e da un’ambientazione originale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy