Speciale party game, passare le feste con gli amici in modo divertente! …prima parte

*Linea Bluff*
Dove è dura distinguere ciò che è falso da ciò che è vero

Lupus1Lupus in Tabula
Numero di giocatori: 9 – 25
Durata: 20 – 45 minuti
Casa Editrice: dVGiochi
Probabilmente il party game di bluff per eccellenza. Ogni giocatore ha un suo ruolo, indicato da una carta, e non solo deve tenerlo segreto e soddisfare una certa condizione per vincere, ma dovrà anche far credere agli altri giocatori di essere qualcun altro. La partita, ad esclusioni di alcune varianti, prevede la presenza di un master non giocante che scandisce le fasi di gioco e le azioni dei vari personaggi. Il turno si divide in 2 fasi: la notte, dove il master chiama i vari personaggi speciali che agiscono mentre tutti gli altri giocatori tengono gli occhi chiusi, e il giorno, dove i giocatori discutono e decidono di eliminare un giocatore per votazione. Questo perché il gioco prevede due fazioni principali, i lupi mannari, che ogni notte sbranano un altro giocatore a loro scelta, e i villici, che eliminano un giocatore al giorno tramite votazione e dopo una concitata discussione. Vi sono poi ruoli speciali, tipo il veggente che ogni notte indica un giocatore ancora in vita e il master gli fa un cenno per fargli sapere se è un lupo mannaro o no, l’informazione dovrà poi usarla con saggezza durante le discussioni. Lo scopo dei lupi mannari è arrivare ad un certo punto della partita in cui il numero di giocatori lupo ancora in vita è pari o superiore a quello dei villici, mentre i villici, e alcuni personaggi speciali, mirano semplicemente ad eliminare tutti i lupi. Altri personaggi speciali hanno condizioni di vittoria particolari. Una vera pietra miliare per il genere, la cui giocabilità però è decisamente dipendente dal gruppo di gioco.

Lupus2 Lupus3 Lupus4

LupusburgLupusburg
Numero di giocatori: 4 – 8
Durata: 20 – 40 minuti
Casa Editrice: dVGiochi
Evoluzione di Lupus in Tabula dove viene eliminato il master, ma anche tantissimi ruoli speciali. Ogni giocatore controlla 2 personaggi che possono essere lupo mannaro, ladro, uomo o donna. Inoltre possiede 2 carte casa, una con un tesoro e l’altra senza. Davanti ad ogni casa, in modo nascosto, vi piazza uno dei suoi personaggi. Anche in questo caso il turno si divide in 2 fasi: notte e giorno. Durante la notte tutti i giocatori chiudono gli occhi, ora il primo giocatore chiama il turno del ladro che da solo aprirà gli occhi e spierà in segreto la casa di un giocatore per vedere se c’è il tesoro o no. Poi chiama il turno del lupo mannaro (contrariamente a Lupus in Tabula qui c’è massimo un ladro e un lupo) che decide, mediante un apposito indicatore, quale personaggio di un giocatore sbranare, incluso il suo stesso personaggio che non sia il lupo mannaro. La fase giorno invece si svolge in modo simile al titolo precedente con i giocatori che discutono chi eliminare. Ma prima si eseguono alcune operazioni per mescolare un po’ le acque: i giocatori hanno facoltà di cambiare la propria carta obiettivo segreto, il primo giocatore ha la possibilità di chiedere ad un avversario di mostrargli uno dei propri personaggi ancora in vita, se ci sono più di 6 giocatori in vita si nomina uno spazzacamino che può spiare una casa di un avversario, e, infine, a turno i giocatori possono scommettere su quale personaggio è il lupo mannaro. La partita termina quando il giocatore con il lupo mannaro è l’unico ad avere ancora almeno un personaggio in vita, oppure il lupo mannaro perde entrambi i suoi personaggi. Si procede quindi al calcolo dei punti per ogni giocatore che dipendono dal numero di suoi personaggi ancora in vita, dall’obiettivo nascosto e, nel caso abbia indovinato la scommessa, da quando è stata fatta. Chi ha più punti vince. Gli obiettivi danno punti in base allo stato dei propri personaggi, tipo due personaggi morti 6 punti oppure 2 punti per ogni uomo morto e un punto per ogni donna viva o viceversa. Sicuramente molto più strategico di Lupus in Tabula, per quanto si possa parlare di strategia in un simile titolo, però comporta un regolamento un po’ più pesante da far digerire ai neofiti.

The ResistenceThe Resistance
Numero di giocatori: 5 – 10
Durata: 30 minuti
Casa Editrice: Raven
Titolo a sfondo pseudo-apocalittico dove i giocatori si dividono in 2 fazioni, i ribelli, che si oppongono al malvagio regime che governa il mondo, e gli infiltrati, servi del regime che devono danneggiare i piani dei ribelli. Caratteristica particolare è che solo gli infiltrati, i cattivi insomma, si conoscono tra loro, per gli altri giocatori l’appartenenza ad una fazione è un’informazione nascosta. La meccanica di gioco è semplicissima: a turno un giocatore funge da leader della missione e sceglie una squadra per portarla a termine, discutendone anche con gli altri giocatori, e questa dovrà essere approvata prima di partire tramite voto segreto. Poi i partecipanti alla missione votano segretamente se farla fallire oppure no, se si falliscono un tot di missioni i ribelli perdono, altrimenti, se si riesce ad arrivare alla quinta missione, vincono. Detta così sembra un po’ banale ma è presente una modalità di gioco avanzata dove ad inizio di ogni turno il leader pesca una carta complotto che può movimentare la partita. Per esempio ci sono carte che si utilizzano subito e consentono di vedere la fazione di un altro giocatore, o carte che si possono tenere per giocarle successivamente e consentono di far diventare leader un altro giocatore. Sicuramente una meccanica semplice da spiegare e molto elegante, ma che soffre a lungo andare di qualche problema di longevità.

The Resistence2 fonte:bgg

Castello_diavolo fonte:bggIl Castello del Diavolo
Numero di giocatori: 4 – 8
Durata: 40 minuti
Casa Editrice: dVGiochi
Altro gioco di fazioni dai nomi altisonanti di Ordine dei Segreti Rivelati e Fratellanza delle False Verità. Lo scopo di queste due fazioni è segreto e sconosciuto pure ai loro membri, infatti nel regolamento non se ne fa parola, ma i membri devono recuperare 3 copie di particolari oggetti speciali il cui scopo è sconosciuto. L’Ordine deve recuperare 3 chiavi, mentre la Fratellanza 3 calici. A fine partita, per vincere, uno dei giocatori dovrà dichiarare che la sua fazione possiede le 3 carte e dovrà anche indicare chi le possiede. Si tratta di una meccanica di scambi dove i giocatori si scambiano carte attivandone così i loro effetti speciali. Ogni giocatore a turno può eseguire una di 3 azioni: spiare, scambiare o duellare. Per spiare si prende una carta dalla mano di un altro giocatore per vederla e gliela si restituisce. Scambiare significa offrire una carta coperta ad un altro giocatore che la guarda e decide se accettare la scambio, dando indietro un’altra carta, oppure rifiutare, regalando un gettone duello al giocatore che ha proposto lo scambio. Effettuare uno scambio consente di attivare gli effetti della carta scambiata, per esempio il lasciapassare consente di guardare tutte le carte del giocatore che ha accettato lo scambio. Infine, il duello consiste nello sfidare un altro giocatore e determinare il vincitore tramite votazione di tutti gli altri giocatori, aggiungendo anche eventuali gettoni duello spesi ed effetti di carte speciali. Il vincitore di un duello può rubare una carta all’avversario oppure guardare di che fazione fa parte. Per complicare un po’ le cose ogni giocatore ha una carta mestiere che gli consente effetti speciali. Sicuramente un titolo interessante con una meccanica molto originale, ma rende al meglio solo se giocato in un numero pari di giocatori.

Castello_diavolo2 Castello_diavolo3

Bang! fonte:bggBang!
Numero di giocatori: 3 – 7 giocatori
Durata: 20 – 40 minuti
Casa Editrice: dVGiochi
Gioco a sfondo western di grande successo sul mercato. Ogni giocatore impersona uno dei 4 ruoli disponibili tra sceriffo, vice-sceriffo, fuorilegge e rinnegato. Ogni ruolo ha un suo obiettivo per vincere: lo sceriffo deve eliminare tutti i fuorilegge e il rinnegato, i vice vincono con lo sceriffo, i fuorilegge devono uccidere lo sceriffo e il rinnegato deve rimanere l’ultimo personaggio in gioco. L’unico ruolo pubblico è lo sceriffo, tutti gli altri giocatori dovranno far capire chi sono, o chi non sono, giocando carte. Ogni giocatore ha un suo personaggio con un particolare numero di punti vita e un’abilità speciale. Concetto particolare Bang!3 fonte:bggdel gioco è la distanza tra i giocatori, misurata come il numero di persone sedute tra un giocatore è l’altro, questo valore da anche la gittata per le armi. Al proprio turno ogni giocatore pesca 2 carte e ne gioca quante ne vuole con l’unico vincolo che può giocare una sola carta bang al suo turno, salvo particolari condizioni speciali. I bang servono a sottrarre punti vita agli altri giocatori e possono essere schivati con carte particolari come i mancato, che possono essere giocate fuori dal proprio turno. Le carte sono di 2 tipologie, gialle, che hanno effetto subito, come le birre che fanno recuperare vita, o blu, che rimangono in gioco davanti al giocatore, come le armi che modificano la gittata dello sparo. Alcune carte blu hanno effetti particolari, come l’emporio che prevede di prendere un numero di carte dal mazzo pari al numero di giocatori e uno alla volta ne prende una per se. Esistono numerose espansioni per questo titolo e c’è una versione del gioco che ne comprende 4, detta La Pallottola. L’espansione probabilmente più significativa è Dodge City, che porta il numero di giocatori ad 8, aggiungendo un rinnegato, e aggiunge le carte verdi che vengono giocate davanti al giocatore in un dato turno ma si attivano il successivo. Titolo sicuramente veloce e dinamico, ma quando si arriva alla fine della partita uno contro uno la situazione si può fare un po’ lenta e lunga. Inoltre è un gioco ad eliminazione dove una volta che un giocatore è fuori partita non può fare altro che guardare.

A domani con la seconda parte!

Renberche

German per vocazione e genetica, ma amante anche dei giochi storici. Segue ciò che Kickstarter produce, spesso pentendosene. Gioca a tutto ma si lamenta quando c'è un dado da tirare. Conosciuto anche come il nauta polacco, data la passione per i giochi in tema Est Europa. La mia top 3? Agricola, Twilight Struggle, Le Havre. La mia bottom 3? Unlock, Avalon e Intrigue. Perché una formica come logo? Ovvio perché adoro i giochi con le formiche (e anche api, ma dovevo scegliere). Dov'è Alkyla? C'è un articolo a riguardo. Extra: divoratore di libri, fanatico di F1, socio CICAP e web master di questo sito.

3 pensieri riguardo “Speciale party game, passare le feste con gli amici in modo divertente! …prima parte

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy