Lowlands, salvare le pecore dall’acqua

Lowlands

di Daniel “Renberche”

I dilemmi della vita spesso ci portano a compiere decisioni molto importanti. Per Amleto era Essere o Non Essere, in Matrix era pillola rossa o pillola blu, per molti di voi Agricola o Caverna ma un po’ tutti nella vita ci troviamo quasi bloccati dal dilemma pecora o diga? Buona lettura!

Lowlands è un gioco ambientato praticamente in Scozia dove i giocatori dovranno bilanciare bene i propri affari con le pecore e la propria fattoria con la costruzione di una diga comune, a protezione delle terre in cui risiedono. Gli autori del gioco sono Claudia e Ralf Partenheimer per la Z-Man Games/Feuerland Spiele; il gioco è uscito da qualche mese negli store.

Numero di giocatori: 2 – 4
Durata: 50 – 100 minuti
Link al regolamento e appendice: link + link

Setup & Materiali

Ogni giocatore sceglie un colore e riceve il gettone diga, una plancia pascolo, tre pedine contadino (numerate da due a quattro), quattro token costruzione, 2 gettoni contadino, quattro monete, 16 token steccato, due pecore, quattro carte risorsa e la plancia con le rendite. Su questa posizionerà le costruzioni, gli steccati e un lavoratore, mentre nella plancia principale creerà uno steccato di due caselle mettendo all’interno le pecore (Agricola style).

Posizionare poi il tabellone al centro del tavolo, posizionare nell’apposito tracciato il gettone diga dei partecipanti assieme a toke progresso, rivelare quattro carte risorsa, posizionare l’indicatore del mercato nella posizione mediana.

Mescolare le tessere espansione in base al dorso e rivelarne tre per ogni pila fatta eccezione per quelle tempesta: in questo caso sono tante quante i giocatori. Mescolare anche il mazzo tempesta e posizionarlo vicino all’area di gioco.

Infine preparare la plancia pecora in base al numero di giocatori, mettendoci sopra i segnalini delle risorse e tante pecore quanto indicato.

Il Gioco

Una partita a Lowlands si articola in tre tappe ognuna delle quali consiste nelle seguenti sei fasi:

  1. Turno della Marea
  2. Lavorare
  3. Manuntenzione
  4. Lavorare
  5. Manutenzione
  6. Alta marea

Vediamo nel dettaglio i singoli passi.

  • Turno della Marea, in questa fase i giocatori che possiedono più di otto carte risorsa devono scartarle, si posizionano poi sul tabellone tre nuove carte inondazione a faccia in giù e si rivela quella più a sinistra, indicante il numero di token inondazione da posizionare sullo spazio apposito, con l’eventualità di impilarli.
  • Lavorare, in questa fase si posizionano i lavoratori sui spazio azione, eseguendola con una forza pari al valore del lavoratore inviato. Le azioni possibili sono:
    • Costruire una espansione nella fattoria: pagando le risorse indicate si aggiunge una delle tessere disponibili nella propria plancia; ogni tessera ha un’effetto particolare rappresentato.
    • Contribuire alla costruzione della diga: pagando le risorse necessarie, scartando tante carte quindi quante richieste, si aumenta il proprio livello nella scala dei costruttori e si aggiungono delle barriere nell’apposito spazio del tabellone; al termine dell’azione è obbligatorio richiedere ad un altro giocatore a scelta di contribuire alla costruzione della diga.
    • Costruire/spostare steccati: con questa azione è possibile prelevare degli steccati dalla propria riserva e modificare la struttura del proprio recinto.
    • Comprare/vendere pecore: si ricevono o spendono monete in base al valore attuale di mercato liberandosi o acquisendo pecore dalla riserva.
    • Pescare carte risorsa: si pescano tante carte risorsa quante i punti azione a disposizione.

    Alle azioni fatte è possibile assegnare dei manovali a disposizione avendo dei benefit associati, inoltre avanzando con la diga si possono attivare dei bonus indicati dai segnalini presenti sul tracciato e comprando edifici e costruendo steccati si sbloccano le rendite indicate sulla plancia.

  • Manutenzione, in questa fase si eseguono le seguenti fasi in ordine:
    1. Allevamento: per ogni coppia di pecore possedute ne nasce una.
    2. Rendite: si ricevono le rendite sbloccate indicate sulla propria plancia.
    3. Recupero lavoratori (si salta nel seconda Manutenzione): riprendere in mano tutti i meeple utilizzati.
    4. Reset del mercato delle pecore (si salta nel seconda Manutenzione)
    5. Cambio del primo giocatore (si salta nel seconda Manutenzione): diventa prima chi è più avanti nel tracciato della diga.
    6. Rivelare nuove carte inondazione: si applica la procedura indicata in precedenza.
  • Alta Marea, si controlla se il livello attuale della diga regge il livello dell’inondazione. In caso positivo i giocatori ottengono monete in base al contributo dato, mentre in caso negativo si riceveranno dei segnalini breccia a partire da chi ha meno contribuito alla costruzione.

La partita termina quando si arriva all’ultimo evento, che rappresenta l’arrivo della tempesta finale, si ottengono i punti dati dalle tessere apposite, si verifica se la diga regge un’ultima volta (in caso negativo le tessere breccia daranno dei malus) e si procede con un calcolo finale dei punti dei vari elementi del gioco, ovvero dal tracciato diga, dalle pecore, da ulteriori tessere, monete e carte risorse. Il giocatore con il maggiore numero di punti sarà il vincitore.

Lowlands

Per il gioco in due esiste un piccola variante che va a modificare la fase di costruzione della diga, modificando l’obbligo di richiesta di aiuto da parte dell’altro giocatore.

Considerazioni

Lowlands è un titolo che si ispira dichiaratamente ai giochi di Uwe Rosenberg, che ha supportato gli autori nel progetto. Dalla sintesi del gioco si ha a che fare un classico german di medio peso, con un’interessante sistema di sviluppo comunitario unita alla gestione del proprio orticello. Spero di provarlo a breve, inutile dire che mi ha incuriosito parecchio, anche se temo un po’ l’effetto déjà vu.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD