On the Board #28: Firefly

di Luca “Maledice79” Lanara

Di serie Tv ormai siamo dipendenti. Una volta si chiedeva che musica ascolti, oggi ti chiedono se hai finito Dexter. E in questo infinito universo c’è una galassia dove si trovano le astronavi di Firefly.Un gioco ispirato appunto ad una serie tv nella quale si viaggia nello spazio profondo, ma anche nel selvaggio west. Buona Visione….

9 pensieri riguardo “On the Board #28: Firefly

  • Avatar
    13 Maggio 2014 in 11:14
    Permalink

    Qualcuno di voi ha giocato anche i mercanti di venere ? Se sì, dato che mi sembrano simili, quale preferisce tra i due giochi?

    • Avatar
      13 Maggio 2014 in 15:24
      Permalink

      Io preferisco Firefly per la struttura a scenari e perché hanno snellito le possibilità d’acquisto. Il punto a favore di mercanti invece è la doppia modalità di gioco classica/standard, che manca in questo. Come suggerisce Maledice, magari qualcosa in più verrà integrata nell’espansione.

    • Canopus
      13 Maggio 2014 in 20:21
      Permalink

      Di Mercanti di Venere ho provato solo la modalità semplice e non mi è piaciuto per nulla, letto il regolamento della versione avanzata ha continuato ad ispirarmi poco. Firefly, secondo me, vince praticamente su ogni fronte: gioco più vario e avvincente grazie agli obiettivi e l’enorme numero di potenziamenti e crew, movimento praticamente libero invece che limitato ad un grafo con pochi percorsi realmente percorribili, maggiore interazione tra i giocatori grazie al movimento delle navi nemiche e alla possibilità di “rubare” l’equipaggio altrui, persino minore impatto del caso dato che le carte sono più varie del lancio dei dadi. Insomma, decisamente un titolo di gran lunga superiore per me, poi ovviamente è una questione di gusti.

    • Doc
      13 Maggio 2014 in 20:53
      Permalink

      Ciao Equador,

      anche io ho giocato entrambi i titoli e fra i due preferisco Firefly. Mercanti di venere non mi dispiace, ma lo trovo freddino e totalmente privo di interazione se non indiretta ( ma davvero poca cosa).
      Firefly ha il suo punto di forza nell’ambientazione che trasuda da componentistica e meccaniche e nonostante ogni giocatore si faccia gli affari propri, non manca la possibilità di spedire addosso agli avversari la nave dell’alleanza o quella dei Reavers per fargli passare un po’ di grane, Inoltre è possibile “rubare” l’equipaggio agli avversari quando questo è scontento. Quindi l’interazione è sicuramente più presente che in mercanti.
      Unica nota a favore di mercanti per me è la possibilità di poter calibrare la durata della partita. Eccetto questo, Firefly tutta la vita :)

    • Doc
      16 Maggio 2014 in 09:26
      Permalink

      Ciao Max,

      guarda ho provato tutte le modalità eccetto le partite a due. Quello che ti posso dire è che la differenza principale che avverto è il tempo necessario per giocare. In quattro il gioco si allunga forse un po’ troppo. In tre per me è perfetto. In due credo risulti ancora più rapido e credo sia ugualmente godibile. L’unico dubbio che posso avere è che ci potrebbero essere meno possibilità di interazione fra i giocatori e con le navi dell’alleanza e dei reavers. A parte questo, il resto rimane uguale secondo me.
      Se ho occasione di giocarlo in due ti scrivo un aggiornamento qui nei commenti. ciao! :)

  • Avatar
    18 Maggio 2014 in 13:17
    Permalink

    Ottimo On the Board!
    Una domanda: avete già pensato di realizzare il live di una partita integrale di un gioco da tavolo? Spero di sì!!!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy