Mini giochi per tutte le occasioni

di Daniel “Renberche”

Questo articolo è leggermente diverso dalle anteprime standard che faccio normalmente. Infatti parlerò di un progetto, seguente ad uno già concluso con successo, che considera mini giochi da tavolo portatili, caratterizzati tutti dall’essere composti da piccole scatolette contenenti trenta carte, tutte della stessa dimensione, ideali per essere portate in treno, da picnic, o semplicemente come filler occupanti poco spazio.  Si va dal giardinaggio alle sfide tra orchi anche se la campagna ne sta sfornando altri ancora. Buona lettura!

I giochi fanno riferimento alla linea Pack o Game, della casa Perplext, nel 2014 era uscito il primo insieme di giochi e adesso è in corso la campagna di finanziamento su kickstarter, che trovate a questo indirizzo, per la seconda sfornata di giochi. Per ognuno dei quattro principali ne ho fatto una breve descrizione, così da dare l’idea di che tipo di giochi sono.

GYM

Il gioco rappresenta quelle che erano le sfide scolastiche durante l’ora di ginnastica.

I giocatori si dividono in due squadre, equamente in base al numero di partecipanti. Poi si preparano le sfide, pescandone 6 a caso dal mazzo apposito, mescolare le 24 carte Ragazzo e rivelarne 12. Ci sono due fasi di gioco:

  1. Scelta dei ragazzi: similmente a quanto accadeva a scuola, ogni membro della squadra, che è ora una specie di capitano, sceglie un ragazzo dalla linea da aggiungere alla propria mano; se questo è un bulletto può decidere di spostare in avanti una sfida a sua piacimento. La fase termina quando tutti i ragazzi sono stati assegnati.
  2. Partite: Le sfide saranno quattro e si svolgeranno quelle in ordine di pescata dalla più alta alla più bassa, oppure si faranno quelle più in avanti, giacché erano state influenzate da un bulletto nella fase precedente. Ogni giocatore gioca quindi un partecipante del proprio team in uno dei giochi (ce ne stanno al massimo tre per ognuno), e se vuole esegue un’azione associata al gioco o propria del personaggio e, se quest’ultimo è un bulletto, può spostare uno dei coach presenti, bloccando eventuali successive attivazioni nel gioco dove sono di guardia.

Quando tutte le carte sono state giocate si contano i punti, ogni ragazzo ne fornisce se è associato al gioco di cui è ferrato, e si valuta la differenza tra le due squadre per ogni sfida. La squadra che avrà ottenuto il massimo complessivo vincerà la partita.

 

mini giochi

# giocatori: 2/4/ 6
Durata: 15 minuti
Contenuto

  • 24 carte Ragazzo
  • 6 carte Sfida/Coach

 

RUM

 

RUM_bgg_cover

# giocatori: 2 – 4
Durata: 15 minuti
Contenuto

  • 21 carte Rum
  • 7 carte Capitano
  • 1 carta Orologio
  • 1 carta Pappagallo

Gioco di collezione oggetti (rum nello specifico) dove si dovranno realizzare dei set di carte per ottenere il maggior numero di punti vittoria.

Il setup prevede che si crei l’area dei Relitti con le carte Rum a faccia in giù, ognuno se ne prende una, e si aggiunge all’area la carta Pappagallo. Si crea la Spiaggia mettendo tre carte Rum dall’area Relitti a faccia in su.

Il meccanismo del gioco prevede che nel proprio turno un giocatore esegua una delle seguenti azioni:

  1. Pescare una carta: si può prenderla dalla Spiaggia, mettendone un’altra a faccia in giù dai Relitti o direttamente una da quest’ultima zona. Se viene pescata la carta Pappagallo si incrementa di uno valore della carta Orologio.
  2. Giocare un set di carte: in sintesi l’idea è quella di giocare set di carte Rum in modo da collezionare bottiglie dello stesso colore al fine di guadagnare la carta Capitano del colore corrispondente cercando di ottenere il valore complessivo più alto possibile, rubando eventualmente la carta da un altro giocatore. Le carta a faccia in su nella Spiaggia possono essere aggiunte alla conta del set giocato.

Tutte le carte giocate (e l’eventuale Pappagallo) vanno rimesse  nell’area dei relitti.

La partita termina quando viene raggiunto da un giocatore un numero di punti dipendente da quanti siedono al tavolo o quando l’Orologio raggiunge la posizione con la nave.

SOW

Passiamo al giardinaggio ma senza sporcarci le mani di terra, utilizzando un meccanismo simile alla mancala. I giocatori infatti sposteranno i semi e faranno nascere dei fiori ma dovranno farlo con cognizione di causa, per riuscire a raccogliere quelli del colore di riferimento.

Il setup prevede che le quattro carte Carriola vadano messe a formare un quadrato e, per ognuna di esse, vadano messe due file di due carte dalla parte dei semi. Disporre altre quattro file di carte semi negli angoli mettendo, in maniera opposta, le carte Mulino e Citello. I giocatori si siedono frontalmente ad una Carriola che rappresenterà il colore del fiore preferito, che verrà visto segretamente.

Il turno di un giocatore consiste nelle seguenti due fasi:

  • Si prendono tutte le carte da una riga che ne contenga almeno due.
  • Le carte prese vanno redistribuite nel senso indicato dalla carta Mulino, posizionandone una sola per riga. Quella di interesse sarà l’ultima che se sarà dal lato Seme viene girata e diverrà Fiore (eventualmente anche un’altra carta dello stesso colore già presente nella stessa riga), mentre se era già Fiore, e si verificano altre condizioni, si avrà la possibilità di recuperare fiori da aggiungere al proprio mazzo. Se almeno una carta ritorna nella stessa riga di partenza il giocatore ha l’opportunità di scegliere tre azioni aggiuntive: modificare l’orientamento del Mulino e di conseguenza quello della distribuzione delle carte, attivare il simpatico animaletto e fargli mangiare tutti i fiori presenti nella riga dove è presente oppure attivare l’annaffiatoio e prendere una carta Fiore.

Il gioco termina quando ogni riga non avrà più di una carta. Ogni giocatore valuterà i fiori del proprio mazzo e otterrà 3 punti per ogni fiore con il colore preferito posizionato al centro, 2 se il colore è del bordo oppure uno se nessuna condizione è verificata. Chi avrà più punti avrà vinto.

 

mini giochi

# giocatori: 2 – 4
Durata: 20 minuti
Contenuto:

  • 24 carte Semi/Fiori
  • 4 carte Carriola
  • 1 carta Mulino a vento
  • 1 carta Citello/Annaffiatoio

ORC

 

mini giochi

# giocatori: 2
Durata: 5 minuti
Contenuto: 30 carte Orco/Territorio

L’ultimo è un gioco per due giocatori che combatteranno per conquistare territori e le simpatie degli orchi nativi.

La preparazione consiste nel mettere quattro carte orizzontalmente, in modo che ci siano presenti tutti i sei colori del gioco, e di disporre, a destra e a sinistra di ogni mazzo, quattro carte coperte in fila verticale. I territori raffigurano due o più Orchi e ciò modificherà il punteggio finale.

La partita consiste di sei battaglie, ognuna delle quali si innesca nel momento le pile del territorio sono svuotate. Durante il turno un giocatore dovrà eseguire le seguenti azioni nell’ordine:

  1. Schierare Orchi: si giocano una/due carta dalla propria mano in un territorio tenendo conto di un insieme di regole (il colore deve essere diverso da quello del territorio, non può essere uguale a quello eventualmente già presente dell’avversario, ecc).
  2. Pescare Armi: si pescano 1/2 carte in base se nella precedente fase si sono schierati 2/1 orchi.

Le battaglie per i territori consistono nel confrontare il valore più alto di Orchi schierati e colui che avrà vinto manterrà una carta per indicarne il possesso, mentre tutte le altre giocate andranno scartate.

Il gioco termina non appena si sono svolte le sei battaglie e ognuno calcola i punti in base a quanti orchi sono presenti nelle carte territorio tenendo conto che ne guadagna uno in più se in mano gli è rimasta una carta con un colore di un terreno diventato suo. Nel regolamento consigliano di fare alla meglio di tre sfide.

Considerazioni

Alla data attuale dell’articolo si sono già sbloccati altri quattro mini giochi, che da quanto si vede hanno a che fare con cani, scoiattoli, fantasmi e spie, in più segnalo che è possibile comprarsi anche la borsa apposita per portarseli a spasso. Come avrete facilmente dedotto sono giochi molto semplici, adatti veramente a chiunque, tutti dalla durata contenuta e che non presentano meccaniche nuove ma semplicemente utilizzano quelle classiche per creare piccoli giochi da viaggio, in stile briscola per intenderci. L’idea è simpatica, anche se non so quanto possano essere divertenti, solo guardando i quattro che ho descritto due mi sembrano interessanti mentre altri due molto meno, vedremo nel tempo se avranno successo e se ci sarà l’occasione per proseguire con le uscite.

Renberche

Renberche

German per vocazione e genetica, ma amante anche dei giochi storici. Segue ciò che Kickstarter produce, spesso pentendosene. Gioca a tutto ma si lamenta quando c'è un dado da tirare. Conosciuto anche come il nauta polacco, data la passione per i giochi in tema Est Europa. La mia top 3? Agricola, Twilight Struggle, Le Havre. La mia bottom 3? Unlock, Avalon e Intrigue. Perché una formica come logo? Ovvio perché adoro i giochi con le formiche (e anche api, ma dovevo scegliere). Dov'è Alkyla? C'è un articolo a riguardo. Extra: divoratore di libri, fanatico di F1, socio CICAP e web master di questo sito.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy