On the Board #89: Adrenaline

di Luca “Maledice” Lanara Adrenaline

Questo prodotto CGE è la conversione da tavolo di uno sparatutto in prima persona (FPS per gli amici), nel quale ovviamente lo scopo è colpire gli avversari a morte. Tuttavia, e per fortuna, non si tratta di un gioco ad eliminazione in quanto, terminati i punti vita, il giocatore ferito muore, fa guadagnare punti vittoria in base ai segnalini ferita che gli sono stati inferti dai nemici, e torna prontamente in vita, ma meno “appetibile” per gli avversari. Le azioni disponibili sono il movimento, la raccolta di proiettili (in forma di cubetti colorati) e ovviamente lo sparare. Ad ogni sparo si gioca un’apposita carta, che grazie ai cubetti raccolti permette di dare effetti particolari al colpo, come la capacità di attraversare muri o di rimbalzare, e ogni sparo è un colpo sicuro. E quando arrivano i dadi? Proprio mai, perché Adrenaline è uno sparatutto totalmente German, o quasi. Buona Visione….

 

6 pensieri riguardo “On the Board #89: Adrenaline

  • Avatar
    15 Dicembre 2016 in 13:57
    Permalink

    Bel video,
    finalmente ho potuto saperne di più di questo titolo, un video da incorniciare: uno di quei pochi in cui Maledice assegna un voto scarsissimo ad un gioco…
    m@
    p.s.
    ma la media?

    • Canopus
      17 Dicembre 2016 in 17:46
      Permalink

      Per problemi tecnici nel caricamento per ora manca. Vedremo come rimediare in un prossimo futuro.

  • Avatar
    17 Dicembre 2016 in 11:29
    Permalink

    Provato in 4 giocatori, molto divertente.
    Poco chiara la simbologia sulle carte (come evidenziato da voi), a parte Canopus, nessuno si è soffermato sulla scalabilità, a mio avviso molto bassa. Già in 3 giocatori non rende, mentre in 4+ è veramente gradevole.

    • Canopus
      17 Dicembre 2016 in 17:43
      Permalink

      Secondo me per il death match il numero perfetto è 4, in 3 ti consiglio di provare la variante dominazione che risulta piuttosto gradevole anche in 3. ;-)

  • Avatar
    19 Dicembre 2016 in 22:37
    Permalink

    Ma perché il numero di giocatori parte da tre? Perché non può essere giocato in due?
    Grazie.

    • Canopus
      23 Dicembre 2016 in 21:48
      Permalink

      Immagino sia stato testato e probabilmente in 2 risulta troppo “largo” o il discorso della sfida alle maggioranze è meno interessante.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy