Tag Archives: schicchere

Ice Cool – Recensione

di Davide “Canopus” Tommasin Ice Cool

Ice Cool, voluto gioco di parole per richiamare per assonanza il termine High School (scuola superiore), è stato una delle rivelazione per visibilità dell’ultimo Spiel, al punto da presentare, oltre ai tavoli dimostrativi alla AMIGO, anche un intero stand di grandi dimensioni nel padiglione principale. Senza tirare in ballo le classifiche, su cui personalmente non ho alcuna fiducia, posso dirvi che le copie che ho visto girare per la fiera non erano poche, che poi sia una questione di effettivo merito o di ottimo marketing sarà spunto di riflessione durante la recensione. Certo è che la sua fama è giunta fino al nostro bel paese dato che Oliphante ha annunciato da un po’ la localizzazione in italiano. Ice Cool è ambientato in una scuola per pinguini, fatto che spiega l’assonanza, e si basa su una meccanica che in questi tempi va molto di moda nei giochi di abilità: le schicchere (o flick per chi preferisce un termine più tecnico). La sua particolarità rispetto ad altri giochi di schicchere, giusto per fare qualche nome Flick ‘em up e Catacombs, è che in questo gioco non si colpiscono con l’indice dei dischetti ma delle miniaturine a forma di pinguini e “appesantite” sulla base, in modo che dopo il colpo tornino sempre perfettamente in piedi. Questa particolarità tecnica consente delle vere e proprie acrobazie come curve ad effetto, traiettorie a spirale e veri e propri salti per scavalcare pareti o altri pinguini (cliccate qui per stupirvi). Inoltre, il titolo utilizza l’intera scatola, più altre al suo interno, per costruire un’appariscente plancia di gioco dove si svilupperà una meccanica del tipo “prova e prendermi”, cioè un giocatore cercherà di colpire i pinguini avversari prima che questi riescano a completare una sorta di percorso. Vi ho incuriosito abbastanza? Continuiamo…

On the Board #86: Catacombs

di Luca “Maledice” Lanara Catacombs

Se penso a Catacombs non posso fare a meno di pensare a questo articolo. Uno dei migliori, a mio avviso, apparsi su Gioconauta. E ora è il tempo anche per i soliti 4 di destarsi in combattimento. Catacombs è un gioco di schicchere, dove i giocatori sono alle prese con il classico dei Dungeon Crawl:  gli eroi entrano nel Dungeon e affrontano il temibile dungeon master, egli sguinzaglia i suoi mostri fino a portarvi nella tana del drago. Insomma la storia la conoscete, ma non è la storia il succo di questo gioco. Guardare per credere…

Catacombs (third edition) – La porta verso un altro mondo

di Daniele “ditadinchiostro” Ursini Catacombs

Tutti i giocatori German si somigliano; ogni giocatore American è invece American a modo suo.

Se chiedessimo ai giocatori il motivo principale della loro passione per il gioco da tavolo, potremmo dar vita ad uno studio interessante. Proviamo. Inizio io. Ditadinchiostro gioca per scoprire la porta di acceso ad un altro mondo: la via di campagna che conduce a Frittole, il libro attraverso il quale giungere a Fantàsia, la buca in cui cadere per incontrare il Brucaliffo. L’ho capito da poco. Da quando quella porta l’ho trovata. Da quando ho giocato a Catacombs.

Privacy Policy