Category Archives: Giochi di Ruolo

Libreria mobile di mezzanotte #1 | Dungeon Crawl Classics

di “riivaa” | La libreria mobile di mezzanotte #1

Aprile dolce dormire, dicono.
Sarà questo che rende l’insonnia ancora più intollerabile in questo periodo. Braccato da questo demone meschino mi trovo a vagare per le vie di paesi in quarantena, dopo aver provato inutilmente a mescere chiodi di passiflora, bottoni di camomilla e lacrime di valeriana sui fornelli caldi e rassicuranti della cucina.

Perché quando tutti gli intrugli falliscono, solo una passeggiata al chiaro di luna pare tagliare la testa al toro – E qualora di toro non si tratti, provvederà la luce dell’alba a scacciarlo… Non lo fa sempre?

I migliori giochi da tavolo per conquistare una donna, cover

I migliori giochi da tavolo per conquistare una donna

di Daniel “Renberche” | I migliori giochi da tavolo per conquistare una donna 

Una caratteristica presente ancora oggi nel mondo dei giochi da tavolo è la carenza di figure femminili. Va detto che l’andamento è tendenzialmente positivo, che sempre più esponenti della coppia cromosomica XX si affacciano a questo mondo, ma continua a prevalere decisamente la parte maschile. È quindi un’ardua impresa il conquistare una donzella per quanti, come voi, hanno come miglior arma di fascino l’essere intrinsecamente degli spostatori di pedine, mescolatori di carte, spingitori di meeple e acquirenti compulsivi di scatole. Come fare dunque a conquistare ludicamente una donna? Quali giochi e quali approcci utilizzare per renderla affascinata dal nostro mondo e perché no, un giorno, portarla al nostro talamo di gioco? Buona lettura!

Bastionland

Benvenuti a Bastionland – La Babele a transistor dei GDR

di Franz “riivaa” | Bastionland

Bastion, la matassa elettrica attorno a cui si condensa l’umanità. L’unica città che conti.

Attorno ad essa stende i suoi tentacoli di oscurità, la Campagna Desolata. Come un ombra del nostro passato, pare allungarsi per eoni, costituita della stessa materia con cui si fabbrica l’ignoto.

Sotto di esse, nel sottosuolo, le macchine sferruzzano sfibrando la stessa trama del reale. Mentre tra nei vicoli della metropoli vi trovate a incrociare lo sguardo di creature aliene, esuli dall’abisso delle Stelle Viventi…

Benvenuti a Bastionland!

Super Blood Harvest – The Moon is a Vampire

di Franz “riivaa” | Super Blood Harvest

Tornare dai fasti delle fiere d’autunno è un po’ come fare le due di notte prima di un giorno lavorativo. Arrivati a quel punto ci troviamo davanti a un dilemma: salutare tutti e tornarcene a casa, per dormire le quattro ore e mezza giuste che ci permettono una neuroattività nella norma; o restare per l’after e fare un dritto fino al lavoro, scoprendo cosa succede intorno alle 3:12 di notte (di solito niente di buono).

Ecco quindi che con lo zaino ancora caldo di manuali di gioco in rientro da Lucca, mi accingo a parlarvi di uno dei kickstarter che ho finanziato stamattina…

Storm King’s Thunder, la recensione

di Marco “alkyla” Oliva | Storm King’s Thunder

…spoiler free, perchè recensire un modulo campagna di Dungeons & Dragons è uno slalom gigante tra possibili spoiler. E invece, aspiranti masters o giocatori che siate, questo articolo è per voi.

E proprio di Giganti racconta Storm King’s Thunder. E’ in atto qualcosa che ne agita le razze disseminate per il Faerûn e minaccia di spazzare via i popoli liberi dalla Frontiera Selvaggia, il freddo, estremo nord dei Forgotten Realms. Con chi di loro allearvi e chi combattere per salvare il mondo?

Dungeons & Dragons 5a Edizione, la recensione niubba

di Marco “alkyla” Oliva | Dungeons & Dragons

Nel Faerûn“. La risposta sintetica al bellissimo articolo di Luna è questa: da un anno circa alkyla è nel Faerûn, ecco dove. Galeotta fu un’incursione in Sine Requie e poi l’invito a partecipare da giocatore ad una mini-campagna di Dungeons & Dragons 5a edizione. E fu amore a prima sessione. Da allora faccio da master in una campagna ispirata al modulo Storm King’s Thunder, di cui, se vorrete, potrete leggere in un prossimo articolo.

Ma ora è tempo che da novizio mi esponga alla pubblica gogna con una recensione di Dungeons & Dragons 5a edizione.

Giocare Old School | GDR

di Alessandro “Sikander”

L’OSR (Old School Renaissance) è un movimento nato per riportare in auge un certo modo di giocare di ruolo tipico degli anni ’70 – inizio ’80, cioè, per la precisione, il primo modo in cui si è giocato di ruolo.
Anche se non sempre i giocatori ne sono consapevoli, ci sono tante modalità per giocare di ruolo; il sistema di regole che poi andiamo a utilizzare (D&D, Pathfinder, Savage Worlds, ecc) può favorire una certa modaltà di gioco piuttosto che un’altra, ma solo se i giocatori “sanno quello che stanno facendo” è davvero possibile vivere un certo tipo di esperienza.

Spiel’18 – Live Blogging da Essen

di Gioconauta

Arriva ottobre e come ogni anno con la fine del mese si chiude quello che potremmo definire l’anno ludico. Il perché è presto detto, arriva lo Spiel’18. Di che si tratta? È la fiera dei boardgame, per eccellenza, a livello internazionale e planetario, che concentra la maggior parte delle novità del mercato. Snoccioliamo qualche numero per dare l’idea del fenomeno: nel 2017 ha contato 182.000 visitatori e quest’anno saranno presenti 1.100 espositori, da 51 nazioni, concentrati in 72.000 metri quadri. Ma cosa significano questi numeri? In realtà ben poco, danno solo le dimensioni di un evento che si traduce con una sola parola, GIOCARE! Giocare a titoli di ogni genere da ogni parte del mondo, trovare l’editore italiano come quello malese o messicano; giocare a novità, titoli che vedremo nel nostro paese dopo un mese come mai, perle rare in grado di stupire e provabili solo lì (ogni anno becco sempre almeno un titolo che mi ispira senza possibilità di localizzazione o anche solo recupero nel nostro paese), possibilità di vedere il prototipo dalla meccanica assurdamente originale come il futuro vincitore dello Spiel de Jahres (gioco dell’anno tedesco); giocare con chiunque, dal connazionale incontrato per caso e l’appassionato che si è fatto 20 ore d’aereo per venire almeno una volta allo Spiel. Laggiù, ad Essen, nel cuore della Renania Settentrionale, dal 25 al 28 ottobre, verosimilmente più di 180.000 appassionati sfogheranno la loro passione ludica in un evento annuale senza eguali almeno in Europa. Sarà accompagnato come ogni anno da esaltazioni, magari per aver provato il titolo che “da solo merita il viaggio”, e da delusioni, il gioco che si desidera ardentemente andato sold out in poche ore di fiera. Tutto questo e molto di più è lo Spiel. E noi Nauti? Ovviamente ci saremo. Affronteremo con pazienza e coraggio i 1.100 km che ci separano dalla “capitale del gioco” in andata e in ritorno, inarrestabili, implacabili e non so quali altre parole con la i… e potrete seguirci come ogni anno tramite il nostro inimitabile, istantaneo, e non so ancora quali altre parole con la i, Live Blogging. La novità di quest’anno è che ci seguirà fisicamente il nostro Maledice, nella speranza di trovare american interessanti in Germania (sembra un po’ un controsenso) e la nostra Max Luna, intenta a sperimentale sul campo il suo tedesco. Si unirà quindi anche il loro commento ai nostri pensieri istantanei di quel che proviamo, vogliamo e, spesso, bramiamo con ardore e furia omicida figurata. Montate in carrozza, si parte!

Privacy Policy