Tag Archives: Granna

Roll&Wall

Roll&Wall | Recensione

di Davide “Canopus” | Roll&Wall

“Ci sono solo tre sport: il combattimento dei tonni, le gare automobilistiche e l’alpinismo. Il resto sono semplici giochi.” Chissà cosa avrebbe pensato Hemingway di un gioco sull’arrampicata come Roll&Wall.

Unboxing MS Batory

di Luca “Maledice”

MS Batory ci porta a bordo di una lussuosa nave da crocera piena di persone ricche e famose alla ricerca di un tranquillo e indimenticabile viaggio solcando le onde dell’atlantico…e lo sarà davvero, sfortunatamente per loro… scopriamo il perché.

Mentre il viaggio procede senza intoppi un crimine viene commesso a bordo: gli inestimabili gioielli della contessa Pawlicka sono stati rubati portando lo sconcerto fra i passeggeri. Un ladro si nasconde fra loro, ma anche tra i diversi abili detective che saranno impersonati dai giocatori. Eccoci quindi ad esplorare la davvero sorprendente nave da crocera, qui resa con un modellino 3D in cartone che fungerà da plancia di gioco.
Scopo del gioco è quello di determinare il prima possibile chi è il criminale che ha compiuto il furto fra 13 sospettati. Ognuno di questi dispone di tre caratteristiche: sesso, età e ruolo. I giocatori per questo si porranno a vicenda delle domande con cui tentare di escludere i sospettati innocenti e a determinare il vero colpevole. Scopriamo il contenuto in questo video delirante. Buona Visione….

CVlizations – Recensione

di Daniel “Renberche”

Quale può essere la cosa migliore nella vita che essere felici? Essere più felici degli altri! La casa editrice polacca Granna, nata negli anni in cui alla guida della nazione c’era il premio Nobel Lech Wałęsa, uno dei principali fautori di Solidarność, ne ha fatto qualche anno fa un gioco, dove ognuno di noi era chiamato a rivivere una vita intera dall’infanzia all’oblio, accumulando via via ricordi di felicità. Quest’anno ad Essen il tema è stato riproposto, ma non più rispetto al singolo individuo ma alla collettività, quindi noi saremo guide di popoli e stabiliremo quali innovazioni, scoperte, progressi scegliere per far troneggiare felicemente le nostre genti ad di sopra delle altre.

CV – Recensione

Di Davide “Canopus” Tommasin

La compilazione del Curriculum Vitae è una pratica ormai diffusa, in alcuni casi tristemente diffusa, tra le persone in età lavorativa. Devo però dire che il titolo del gioco è un po’ forviante, in quanto più che compilare il proprio curriculum si finisce per vivere una vita alternativa a suon di lanci di dadi. Non a caso il sottotitolo del gioco è “what would have happened if…”, tradotto in “cosa sarebbe successo se…”, ossia come sarebbe la vostra vita se foste dentro un gioco in scatola dadoso dove ottenete dei simboli da combinare in sequenze per ottenere carte che vi faranno ottenere altri simboli per guadagnare altre carte ancora più costose? Sicuramente avreste una grafica da cartone animato deformed e molto colorata. Ma vediamo nel dettaglio…

CV: un’intera vita in 60 minuti

di Alberto “Doc”

Forse qualcuno di voi ricorda un gioco del 2005 in cui i giocatori dovevano gestire i passi della vita di un personaggio, dalla sua nascita fino all’età adulta con tutte le scelte gli eventi e le relazioni che avrebbe costruito nell’arco della sua esistenza. Era Funny Friends di Friedman Friese. Ora a distanza di 8 anni la Granna propone per la fiera di Essen un gioco dalla stessa ambientazione: CV. Scopriamone qualcosa in più. ;)

Privacy Policy