Funkoverse Strategy Game: Harry Potter – Recensione

di Daniel “Renberche” | Funkoverse Strategy Game: Harry Potter

TitoloFunkoverse Strategy Game: Harry Potter
AutoriProspero Hall
Lingua versione provataInglese
Editore versione provataFunko Game
Altri editori
Numero giocatori2 – 4
Durata partita30 – 60 minuti
Anno pubblicazione2019 – 2020
Versioni– Funkoverse Strategy Game: Harry Potter, 100

* Funkoverse Strategy Game: Harry Potter, 101

– Funkoverse Strategy Game: Harry Potter, 102

Altre ambientazioniRitorno al Futuro, DC Batman, DC Comics, Game of Thrones, Golden Girls, Jaws, Jurassic Park, Rick & Morty, The Nightmare Before Christmas
MeccanicheSkirmish, gestione punti azione, movimento su mappa,
Dipendenza dalla linguaMedio bassa, presente testo nelle schede dei personaggi e nei fogli degli scenari
Prezzo indicativo (in data recensione)Circa 50€ per la versione 100 e 102, 35€ per la versione 101

I Funko Pop sono forse i pupazzetti più famosi al mondo. Con le loro caratteristiche teste giganti sono diventati oggetti da collezione ed esposizione. Per entrare nel mondo dei giochi da tavolo è stata creata una linea apposita, che segue diverse ambientazioni note e ancora più note. Prodotto da esposizione o gioco adatto ai nostri palati fini? Buona lettura!

L’idea alla base dei Funkoverse Strategy Game è quella dello scontro diretto in un’area tra diverse miniature, seguendo degli scenari prefissati che ne determineranno gli obiettivi da raggiungere per la vittoria. Sono giochi competitivi, dove ogni giocatore gestirà un gruppo di personaggi scelti, ognuno con delle abilità speciali in aggiunta ad altre standard. A progettare i giochi è la Prospero Hall, una casa editrice specializzata in giochi dedicati a temi presi da film, romanzi, etc., mentre la casa che li distribuisce è proprio la Funkoverse, nel suo distaccamento Funko Game. Come scritto sopra vi sono tantissime ambientazioni, dove a cambiare non sono le regole generali ma i singoli personaggi.

Io ho deciso di presentare quella che più mi interessava, e di cui sono in possesso, ovvero Harry Potter e tutta la banda magica. In questa recensione presenterò l’idea base del gioco, descrivendo poi le varie espansioni e versioni combinabili. Infatti per quanto riguarda la serie di Harry Potter, alla data attuale vi sono due versioni con quattro personaggi ciascuna, e una con due, tutte giocabili singolarmente e/o integrabili tra di loro. Le meccaniche di base infatti sono sempre le stesse.

| Ambientazione

Come ho scritto in questa recensione tratto gli Funkoverse Strategy Game: Harry Potter. Nella scatola iniziale (la 100) troverete Harry Potter, la mancata Corvonero Hermione Granger, Lord Voldermort (o Colui-Che-Non-Deve-Essere-Nominato) e Bellatrix Lastrange. Nella versione 102 vi sono Albus Silente e Hagrid da una parte, mentre dall’altra l’austera amante dei gatti Proff.ssa Umbrige e Severus Piton. Infine la versione con due soli personaggi, Ron Weasly e Draco Malfoy. Attendo impaziente la versione con Luna Lovegood. Per quanto riguarda il tabellone di gioco presenta diverse aree prese dall’ambientazione, quali la Foresta Proibita, Diagon Alley, il Ministero della Magia, il castello di Hogwarts, etc.

Funkoverse Harry Potter, componenti scatola 100

| Materiali

Qui vi sono due elementi da considerare: le miniature Funko e il resto. Per quanto riguarda le prime sono una versione leggermente più piccola di quelle che trovate in commercio, ma per il resto sono identiche.

In merito ai materiali invece, in ogni scatola vi è un tabellone fronte-retro, devo dire bello spesso, delle plance con le descrizione dei personaggi, delle piccole carte relative a oggetti specifici, dei d6 aventi le facce riportanti tre simboli, delle gemme indicanti i punti, le schede degli scenari e altri segnalini sparsi. Il tabellone è diviso in aree quadrate e altre con forme variabili che comportano delle modifiche soprattutto alla linea di vista. Ogni casella è fatta per contenere un Funko Pop.

continua nella pagina successiva

Renberche

Renberche

German per vocazione e genetica, ma amante anche dei giochi storici. Segue ciò che Kickstarter produce, spesso pentendosene. Gioca a tutto ma si lamenta quando c'è un dado da tirare. Conosciuto anche come il nauta polacco, data la passione per i giochi in tema Est Europa. La mia top 3? Agricola, Twilight Struggle, Le Havre. La mia bottom 3? Unlock, Avalon e Intrigue. Perché una formica come logo? Ovvio perché adoro i giochi con le formiche (e anche api, ma dovevo scegliere). Dov'è Alkyla? C'è un articolo a riguardo. Extra: divoratore di libri, fanatico di F1, socio CICAP e web master di questo sito.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy