Madeira, il videotutorial

di Sara “Miss Meeple” Trecate Quando fu scoperta, l’isola di Madeira era coperta da una folta vegetazione, tanto che gli esploratori le diedero un nome More »

Miniboard #19: Fabled Fruit

di Luca “Maledice” L’idea che un gioco si evolva nel tempo e mantenga un cambiamento da partita a partita è sicuramente un’idea intelligente e affascinante, More »

Alchemidus – Recensione

di Davide “Canopus” Tommasin Per chi ha partecipato negli ultimi anni alle edizioni dello Spiel, una delle fiere più importanti a livello mondiale dedicata ai More »

Principi del Rinascimento, il videotutorial

di Marco “alkyla” Oliva Principi del Rinascimento è ambientato nel Rinascimento italiano. Ogni giocatore interpreta un Condottiero di una famiglia, come ad esempio Gonzaga o More »

On the Board #91: FireTeam Zero

On The Board – Fireteam Zero di Luca “Maledice” Lanara “Nel 1942, quattro soldati svanirono dal programma di formazione del neonato Primo Battaglione Ranger e More »

 

Cherry Games #7: Santorini + Holmes: Sherlock & Mycroft

di Max “Luna” Rambaldi & Daniel “Renberche”

Di casa in quartiere, da una cupola a un indizio, quel che conta è capire le mosse dell’avversario per anticiparlo e per dargli il colpo decisivo al momento giusto. In questo cherry games prendiamo in esame un gioco storico recentemente tirato fuori dal freezer e condito con tante salse e di un altro, più recente, dall’ambientazione che richiama all’investigazione ma che in realtà sarà più di gestione degli indizi e di intelligente pianificazione dei nostri detective.

card city xl

Card City XL, 240 combinazioni per avere la città più bella

di Daniel “Renberche”

I videogiochi in cui si deve costruire una città mi sono sempre piaciuti. Ho adorato quelli a sfondo storico, tipo Caesar III, Faraon, Zeus e quelli più moderni quali Sim City (2000 e 3000 per la precisione). Nel mondo dei boardgame non mancano gli esemplari di questo genere, che a volte ho trovato divertenti mentre altre meno attraenti. Nel caso in questione l’autore si sta affermando da qualche anno e si cimenta nuovamente nella costruzione di città, inserendo diverse combinazioni per dare ai giocatori un certo spazio di manovra. Al solito, buona lettura!

Madeira, il videotutorial

di Sara “Miss Meeple” Trecate

Quando fu scoperta, l’isola di Madeira era coperta da una folta vegetazione, tanto che gli esploratori le diedero un nome che in portoghese significa legno. Instaurando nuove colture, tra cui grano, canna da zucchero e vitigni, Madeira divenne un importante centro di produzione e maggiore pressione cominciò ad arrivare da parte della Corona portoghese perché sull’isola fiorisse la produttività, il commercio, l’urbanizzazione, la ricchezza.

tsunami zombie

Zombie Tsunami, dal tablet al tavolo saltando

di Daniel “Renberche”

Non è durato tantissimo ma anch’io ho passato svariato ore sostanzialmente ad allenare i miei riflessi e contemporaneamente a danneggiare lo schermo del mio tablet con questo frenetico gioco di zombie saltellanti. Sarà in grado la versione gioco da tavolo di emulare il suo fratello digitale? Al solito, buona lettura!

Miniboard #19: Fabled Fruit

di Luca “Maledice”

L’idea che un gioco si evolva nel tempo e mantenga un cambiamento da partita a partita è sicuramente un’idea intelligente e affascinante, ma è anche innegabile che il sistema Legacy, nome dato a questo meccanismo, comporti un contro non da poco: non si torna indietro. Friedmann Friese della 2F-Spiele, il tizio di Alta Tensione, prova a portarci una versione rigiocabile. Buona Visione..

Alchemidus – Recensione

di Davide “Canopus” Tommasin

Per chi ha partecipato negli ultimi anni alle edizioni dello Spiel, una delle fiere più importanti a livello mondiale dedicata ai boardgame, ormai una cosa sarà chiara, l’Asia si sta affacciando sempre di più al mercato dei giochi da tavolo. Oggi parlerò di Alchemidus, titolo di carte di origine nipponica che fa parte di una particolare cricca dei puzzle game astratti che potremmo definire “solitari di gruppo”. In genere, quando dico che un titolo è un solitario di gruppo, lo faccio per sottolineare un problema di interazione, in questo caso invece è un effetto voluto. In Alchemidus, come in altri titoli simili, i giocatori sono chiamati a risolvere mentalmente un puzzle, in questo caso definito da un insieme di dadi i cui valori dovranno essere modificati tramite delle carte, mentalmente, senza mettere mano ai componenti di gioco se non per dimostrare la fattibilità e l’efficienza della propria soluzione. Ne consegue che l’interazione è completamente nulla, se non per una questione di velocità di ragionamento, e il numero di giocatori è limitato solo da questioni di “ordine al tavolo”. Ovviamente, anche l’ambientazione è solo una scusante per introdurre la tipologia di enigmi da risolvere. L’autore è Shimpei Sato, ben più conosciuto per Onitama, gioco astratto che ha ottenuto un discreto successo recentemente. Ma bando alle ciance e andiamo a trasmutare…

Barbarian

Barbarian The Invasion – conquiste e razzie in mezzo ai barbari

di Daniel “Renberche”

Un german con le miniature? O un american con i meeple? La verità come spesso accade sta nel mezzo, di sicuro c’è che sotto questo gioco vi è una programmazione made in Italy ben curata, e un sistema di gioco abbastanza innovativo, o perlomeno originale. Preparatevi quindi combattere contro dei nemici senza tirar dadi, a pianificare azioni non proprio in libertà e a ritrovarsi di turno in turno con una nuova combinazione. Al solito, buona lettura!

Principi del Rinascimento, il videotutorial

di Marco “alkyla” Oliva

Principi del Rinascimento è ambientato nel Rinascimento italiano. Ogni giocatore interpreta un Condottiero di una famiglia, come ad esempio Gonzaga o d’Este. Vi sono nel gioco le 5 maggiori città: Venezia, Milano, Firenze, Roma e Napoli. Queste non sono controllate da un particolare giocatore, ma tutti i giocatori possono prendersi a cuore gli “interessi” della città durante lo svolgimento della partita. Ogni città ha diverse tessere, molte delle quali rappresentano un personaggio storico come Lucrezia Borgia o Lorenzo dei Medici. Ogni tessera ha i propri poteri speciali collegati al personaggio raffigurato, quindi Cesare Borgia ti aiuterà negli intrighi, mentre un mercante di Venezia aumenterà le tue entrate. Queste tessere ti forniranno anche punti vittoria a seconda dello status della città al termine del gioco.

Tutti i dettagli del funzionamento del gioco in questo nuovo videotutorial di TOCCA A TE

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD