Le Case della Follia 2a edizione, il videotutorial

di Marco “alkyla” Oliva Le Case della Follia è un gioco collaborativo di orrore e investigazione ispirato alle opere di H. P. Lovecraft. Nel corso di ogni partita un numero di giocatori More »

Mystic Vale: Miniboard #14

di Luca “Maledice” Lanara Mystic Vale E’ tempo di magia sui nostri tavoli. Questa volta ci troviamo con il potere, in puro stile druidico, della natura. Quindi foreste, lupi e spiriti magici More »

Odyssey: L’Ira di Poseidone: Miniboard #13

di Luca “Maledice” Lanara Odyssey L’ambientazione è ovviamente quella dell’Odissea, anche se la nostra meta non sarà esattamente Itaca. I protagonisti di questa avventura, infatti, dovranno raggiungere l’isola sacra al dio Poseidone More »

09#Dicecraft: Perdition’s Mouth Abyssal Rift

di Luca “Maledice” Lanara Perdition’s Mouth Abyssal Rift Nelle profondità degli abissi, oscuri accoliti, stanno per evocare qualcosa di terribile per l’umanità. I nostri eroi dovranno impedire che ciò avvenga sigillando il More »

Dalek Dice – Recensione

di Davide “Canopus” Tommasin Dalek Dice Quando sulla copertina di un gioco vedo i nomi Maggi e Nepitello confesso che mi viene un certo brivido di terrore mentre alla memoria mi tornano More »

 
copertina case della follia

Le Case della Follia 2a edizione, il videotutorial

di Marco “alkyla” Oliva

Le Case della Follia è un gioco collaborativo di orrore e investigazione ispirato alle opere di H. P. Lovecraft. Nel corso di ogni partita un numero di giocatori variabile da 1 a 5 esplora un luogo nel tentativo di fare luce su un mistero. I giocatori devono collaborare per superare le sfide che saranno loro presentate da un’applicazione gestionale pienamente integrata.

Tutti fanno parte della stessa squadra e vincono o perdono la partita tutti assieme. L’obiettivo finale degli investigatori è esplorare la mappa dello scenario e mettere assieme le prove e gli indizi richiesti per risolvere il mistero. Gli investigatori dovranno inoltre superare varie sfide, tra le quali respingere temibili creature, stringere amicizia con personaggi non giocanti e risolvere numerosi enigmi.

Tutti i dettagli del funzionamento del gioco in questo nuovo videotutorial di TOCCA A TE

mysticvale

Mystic Vale: Miniboard #14

di Luca “Maledice” Lanara Mystic Vale

E’ tempo di magia sui nostri tavoli. Questa volta ci troviamo con il potere, in puro stile druidico, della natura. Quindi foreste, lupi e spiriti magici ci accompagnano nel nostro campo, per creare una Mistica Vallata (Mystic Vale appunto). Il gioco permette una interessante creazione di carte, il card crafting, che permette di potenziare il nostro masso in modo decisamente originale con il proseguire del gioco. Quindi non un vero deck building, ma un card building. Ecco le nostre impressioni….

Odyssey - fonte: bgg

Odyssey: L’Ira di Poseidone: Miniboard #13

di Luca “Maledice” Lanara Odyssey

L’ambientazione è ovviamente quella dell’Odissea, anche se la nostra meta non sarà esattamente Itaca. I protagonisti di questa avventura, infatti, dovranno raggiungere l’isola sacra al dio Poseidone dove portare le proprie offerte e pregarlo per ottenere il suo favore e un viaggio sereno verso casa. Non proprio come la “cantava” Omero. Ma il dio dei mari li osteggia e tenterà in tutte le maniere di ostacolare il loro viaggio rendendo il mare piuttosto agitato. Pronti per il viaggio con questo Odyssey? Buona Visione…

pic3101462_md

Fate of the Elder Gods: ancora una volta Lovecraft

Di Alberto “Doc” Fate of the Elder Gods

Mentre si continuano ad apparecchiare tavole di giochi, cimentandosi con i recenti acquisti di fine anno, continuo nella mia personale ricerca del “cosa mi sono perso” mentre mi occupavo di quanto avremmo visto alle fiere d’autunno. Guardando ai recenti Kickstarter conclusi con successo sono incappato in un classico titolo che Maledice comprerebbe semplicemente per l’ambientazione, mi riferisco a Fate of the Elder Gods che ovviamente non può avere come argomento se non l’amato Lovecraft.
Ma sarà davvero un titolo per i suoi denti? Scopriamolo.

www-uplay-it_i_racconti_del_libro_della_giungla-400x400

I racconti del Libro della Giungla – recensione: a cosa diamine ho giocato?!

di Max “Luna” Rambaldi

Quando ho preso in mano la tastiera, metaforicamente parlando, specie se si considera che la mia è anteguerra e pesa come uno shuttle, mi apprestavo a scrivere una recensione one-shot de i Racconti del Libro della Giungla. Le recensioni one-shot sono per mia definizione il risultato di una partita sola, e quindi l’opinione personale che mi faccio di un gioco da tavola al primo appuntamento. E’ quello, quel primo date che di solito segna il proseguire di una relazione amorosa o un rapido tracollo a Scusa, mi sento ancora col mio Dixit.

E’ quel primo incontro a determinare la nascita di amori folli o ignobili racconti davanti al the con le amiche, spettegolando su quanto quel gioco provato fosse all’antica, quanto le sue meccaniche finissero ovunque tranne dove volevi e soprattutto se durava troppo poco o aveva dadi troppo piccoli. Nei giochi da tavolo si sa, si arriva al terzo turno più in fretta che con i bipedi. Ad ogni modo la mia recensione iniziava più o meno così:

pic3265413_md

Yamatai: Cathala ci porta nuovamente in Jappone

di Alberto “Doc” Yamatai

Ne avevamo già parlato in una flash news dei primi di maggio di quest’anno (a proposito, Flash news corner tornerà presto dopo che l’effetto “fiere d’autunno” si sarà esaurito), accennando solo all’idea di gioco che esprimeva. Ora a distanza di diversi mesi abbiamo finalmente una presentazione di Yamatai più definita che vale la pena approfondire. Seguitemi e diamo un’occhiata insieme a questa nuova creazione di Bruno Cathala che vedrà la sua produzione sotto il marchio Days of Wonder.

Perdition's Mouth Abyssal Rift

09#Dicecraft: Perdition’s Mouth Abyssal Rift

di Luca “Maledice” Lanara Perdition’s Mouth Abyssal Rift

Nelle profondità degli abissi, oscuri accoliti, stanno per evocare qualcosa di terribile per l’umanità. I nostri eroi dovranno impedire che ciò avvenga sigillando il male per sempre. Sembra la trama di Lovecraft, ma invece ci troviamo nell’universo Horror-Fantasy di Perdition’s Mouth Abyssal Rift, proveniente da Kickstarter e quindi Essen. E ragazzi, non ci sono dadi. Buona Visione…

Dalek Dice - fonte: bgg

Dalek Dice – Recensione

di Davide “Canopus” Tommasin Dalek Dice

Quando sulla copertina di un gioco vedo i nomi Maggi e Nepitello confesso che mi viene un certo brivido di terrore mentre alla memoria mi tornano titoli a cui non ho saputo resistere e che poi dentro la scatola invece del regolamento ci trovavo trattati di fisica quantistica. Non dico che fossero “giochi brutti” ma solo “giochi complessi” che potrebbero mettere in difficoltà giocatori di livello hardcore. Mi riferisco soprattutto a Marvel Heroes, Age of Conan e, il più recente ma ammetto anche meno complicato, Venetia. Ma dato che sono un grandissimo fan del Doctor Who (la serie nuova, non quella classica… mea culpa), quando passeggiando per Essen ho visto lo stand della Cubicle 7 Entertainment che era pieno zeppo di immagini delle varie incarnazioni del Dottore e dei suoi nemici più agguerriti (oltre che delle sue compagne) non ho saputo resistere e ho fatto man bassa delle due novità che presentavano, tra cui questo Dalek Dice. Per fortuna, il gioco non appare per nulla complicato (anche perché se riuscivano a realizzare un hardcore game con solo 10 dadi erano davvero dei geni) anzi, direi che le meccaniche sono al limite del banale. Ovviamente, immagino che molti lettori non sappiano molto del Doctor Who e dei suoi nemici più pericolosi (e che personalmente adoro), i Dalek… spenderò qualche parola nel paragrafo ambientazione.

pic2786349_md

Brasil: nel 18esimo secolo fra oro nero e metalli preziosi

di Alberto “Doc” Brasil

Nuno Bizarro Sentieiro è un autore che negli ultimi anni ha realizzato diversi interessanti prodotti, molti di questi legati alla casa editrice What’s your game? con la quale ha portato alla luce titoli come Madeira e Nippon e con la quale speravo avrei potuto vedere alla scorsa Essen anche la sua ultima fatica, Brasil. Purtroppo l’uscità è stata rimandata e dovremo aspettare il 2017 per averlo fra le mani. Nel frattempo però cerchiamo di capire se è un titolo che farà per noi, curiosando su quanto ho trovato nel web in merito.

pic2913801_md

Fallen Land: si parla ancora post-apocalittico

di Alberto “Doc” Fallen Land

Mentre le partite con i nuovi titoli giunti dalle fiere continuano, io nel frattempo curioso fra quanto è stato finanziato con successo su Kickstarter e che avremo l’occasione di vedere nel prossimo anno. Vista la mia nota passione per il tema post-apocalittico (vedi i vari Salvation Road, Outlive e Wasteland Express Delivery Service), non potevo non fermarmi ad approfondire la questione quando sono incappato in Fallen Land a post-apocalyptic board game, un titolo che da quanto sembra ha tutta la voglia di dare un approccio epico alle partite, se non nelle meccaniche, sicuramente nei tempi di gioco. Seguitemi e vediamo di capirci qualcosa di più.

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD