Feudum, il videotutorial

Di Sara “Miss Meeple” Trecate In Feudum i giocatori sono stati esiliati dai propri regni, e vanno alla ricerca di fama e fortuna in una More »

24#Dicecraf: Root

di Luca “Maledice” Root, “radice”, è un gioco della Leder Game, che forse avrete già sentito nominare per quel gioiello di asimmetria che è Vast: More »

Chronicles of Crime, il videotutorial

Di Sara “Miss Meeple” Trecate Nato da una campagna Kickstarter di successo, Chronicles of Crime è un gioco investigativo e collaborativo ambientato a Londra. I More »

Spiel’18 – Live Blogging da Essen

di Gioconauta Arriva ottobre e come ogni anno con la fine del mese si chiude quello che potremmo definire l’anno ludico. Il perché è presto More »

Fairy Tile, il videotutorial

Di Sara “Miss Meeple” Trecate Fairy Tile ci porta nel mondo delle favole, nel mondo delle storie che ci raccontavano da bambini. Stavolta però saremo More »

I Coloni, il videotutorial

Di Sara “Miss Meeple” Trecate Con notevole ritardo rispetto alla sua prima uscita, finalmente arriva in Italia I Coloni di Tim Puls, edizione Cranio Creations. More »

 

Feudum, il videotutorial

Di Sara “Miss Meeple” Trecate

In Feudum i giocatori sono stati esiliati dai propri regni, e vanno alla ricerca di fama e fortuna in una terra straniera, percorsa da sentieri impervi e abitata da misteriosi mostri.

Ottenere il favore delle gilde locali permetterà ai personaggi in gioco di accrescere la devozione nei propri confronti, ma la competizione è sempre aperta e gli scontri non mancheranno.

Con una gestione della mano di carte alla base, e la possibilità di esplorare e conquistare territori, Feudum vi accompagnerà in un viaggio epico e affascinante.

L’edizione italiana è curata da Ghenos Games, Feudum è un gioco di Mark Swanson da 2 a 5 giocatori.

Il regolamento completo è illustrato nel videotutorial di Miss Meeple:

Unboxing: Heroes of Land, Air & Sea

di Luca “Maledice”

Girovagando per lo Spiel di Essen sono risucito a recuperare questo prezioso gioco, con tanto di espansioni e anche con un ottimo prezzo. Tra le tante cose passeggiando per la fiera, con sti scatoloni in mano, sono stato fermato davvero tantissime volte da persone curiose che mi chiedevano dove avessi recuperato tutta quella meraviglia. Ero come una modella e gli sguardi alle mie scatole provenivano da tutte le parti. Sono anche stato rimorchiato da un Belga che  ho dovuto portare allo stand visto che mi stava corteggiando in maniera eloquente e americanosa. Quindi potete stare comodi e godervi questo streap tease di un gioco targato Gamelyn Games . Si tratta di un vero proprio omaggio al più bel RTS mai realizzato: Warcraf 3 (e va beh anche Starcraft). Quindi con l’occasione della sua riedizione ecco il nostro unboxing. Buona Visione…..

Cercando Johann Schmiedt, trovai John Smith

di PG aka PirataGorgonopsia.

In questo periodo della mia crescita ludica, amplificata dalle esperienze di gioco con i Gioconauti, ho colto l’occasione del Lucca Comics del 2018 per cercare quello che io chiamo Johann Schmiedt, ossia il mio gioco German (ma di quelli tosti, spacca neuroni).
Questo perché i miei John Smith, i pezzi American, sono sparsi ovunque in una ludoteca che sentivo la necessità di rendere cosmopolita e quindi mi ero prefissato di dare più attenzione a titoli che di norma avrei ignorato perché a pelle non mi convincevano.

Iniziato il Lucca Comics però non avevo fatto proprio bene i conti: raccontati qui ci sono i giochi che ho provato grazie a diversi dimostratori, che me li hanno spiegati in modo MERAVIGLIOSO, e che ringrazierò uno per uno per aver giocato con me facendomi divertire TANTISSIMO.

24#Dicecraf: Root

di Luca “Maledice”

Root, “radice”, è un gioco della Leder Game, che forse avrete già sentito nominare per quel gioiello di asimmetria che è Vast: the Crystal Cavern, recentemente tradotto dalla MS Edizioni, che tradurrà nei prossimi mesi anche Root. La storia parla di un bosco e delle sue fitte trame di potere e giustizia, architettate da abitanti quanto mai piccoli e colorati. In questa foresta possiamo scegliere la nostra fazione tra le 4 fornite dal gioco base. La nefanda Marchesa de Cat che tenta di aumentare le sue ricchezze attraverso abusi edilizi. L’Alleanza del Bosco, che nelle vesti di pelosi Robin Hood e Little John cospirano per rovesciare il potere della dominazione felina (se state già fischiettando Van per la foresta, tranquilli, è normale). Intanto, ai confini del bosco, il vecchio impero dei nidi d’Aquila si sta riarmando per riprendersi il potere sottrattogli dai gatti. A osservare con occhi saggi, il vagabondo della foresta passeggia tra i sentieri che solo lui conosce, approfittando delle diatribe per perseguire i suoi scopi. A differenza del predecessore, Vast, questo board game mantiene l’asimmetria cercando tuttavia di migliorare la leggibilità dei punti (visibili su un tracciato della mappa) e l’apprendimento del gioco, mantenendo una parte del regolamento uguale per tutte le fazioni. Scopriamo insieme come funziona in questo Dicecraft. Buona Visione…

Chronicles of Crime, il videotutorial

Di Sara “Miss Meeple” Trecate

Nato da una campagna Kickstarter di successo, Chronicles of Crime è un gioco investigativo e collaborativo ambientato a Londra. I giocatori, nei panni di poliziotti di Scotland Yard dovranno indagare su misteriosi casi di omicidio. Lo si potrebbe definire uno Sherlock Holmes 2.0 in quanto sarà un’app a guidare le indagini e potremo addirittura esplorare le scene del crimine in 3D con un paio di occhialini da incastrare sul cellulare. Scansionando i QR code delle carte indizio, luogo o personaggio interagiremo con loro e decideremo che piste seguire e dove indagare.

Una volta scaricata l’app troverete 5 casi da risolvere, uno più complicato dell’altro, ma sono già stati annunciati nuovi capitoli da comprare o scaricare. Il gioco è già stato localizzato in Italiano da Uplay Edizioni, lo troverete in anteprima a Lucca Comics and Games 2018.

Il regolamento completo è illustrato nel videotutorial di Miss Meeple, senza spoiler sui casi da risolvere:

Spiel'18

Spiel’18 – Live Blogging da Essen

di Gioconauta

Arriva ottobre e come ogni anno con la fine del mese si chiude quello che potremmo definire l’anno ludico. Il perché è presto detto, arriva lo Spiel’18. Di che si tratta? È la fiera dei boardgame, per eccellenza, a livello internazionale e planetario, che concentra la maggior parte delle novità del mercato. Snoccioliamo qualche numero per dare l’idea del fenomeno: nel 2017 ha contato 182.000 visitatori e quest’anno saranno presenti 1.100 espositori, da 51 nazioni, concentrati in 72.000 metri quadri. Ma cosa significano questi numeri? In realtà ben poco, danno solo le dimensioni di un evento che si traduce con una sola parola, GIOCARE! Giocare a titoli di ogni genere da ogni parte del mondo, trovare l’editore italiano come quello malese o messicano; giocare a novità, titoli che vedremo nel nostro paese dopo un mese come mai, perle rare in grado di stupire e provabili solo lì (ogni anno becco sempre almeno un titolo che mi ispira senza possibilità di localizzazione o anche solo recupero nel nostro paese), possibilità di vedere il prototipo dalla meccanica assurdamente originale come il futuro vincitore dello Spiel de Jahres (gioco dell’anno tedesco); giocare con chiunque, dal connazionale incontrato per caso e l’appassionato che si è fatto 20 ore d’aereo per venire almeno una volta allo Spiel. Laggiù, ad Essen, nel cuore della Renania Settentrionale, dal 25 al 28 ottobre, verosimilmente più di 180.000 appassionati sfogheranno la loro passione ludica in un evento annuale senza eguali almeno in Europa. Sarà accompagnato come ogni anno da esaltazioni, magari per aver provato il titolo che “da solo merita il viaggio”, e da delusioni, il gioco che si desidera ardentemente andato sold out in poche ore di fiera. Tutto questo e molto di più è lo Spiel. E noi Nauti? Ovviamente ci saremo. Affronteremo con pazienza e coraggio i 1.100 km che ci separano dalla “capitale del gioco” in andata e in ritorno, inarrestabili, implacabili e non so quali altre parole con la i… e potrete seguirci come ogni anno tramite il nostro inimitabile, istantaneo, e non so ancora quali altre parole con la i, Live Blogging. La novità di quest’anno è che ci seguirà fisicamente il nostro Maledice, nella speranza di trovare american interessanti in Germania (sembra un po’ un controsenso) e la nostra Max Luna, intenta a sperimentale sul campo il suo tedesco. Si unirà quindi anche il loro commento ai nostri pensieri istantanei di quel che proviamo, vogliamo e, spesso, bramiamo con ardore e furia omicida figurata. Montate in carrozza, si parte!

Road to Essen #06: Assassin’s Creed – Hokkaido – Holding On

di Luca “Maledice”

E ormai siamo nelle settimana più importante dell’anno e da giovedì siamo ufficialmente dentro la fiera tedesca chiamata “Spiel”. Ma per ora manca ancora un ultima tappa nel nostro Road to Essen. Ecco quindi l’ultimo video sui titoli che più hanno attirato la nostra curiosità. Questa volta ci siamo un po’ lasciati andare, trovando delle perle che sulla carta potrebbero essere davvero interessanti. Quindi non mi resta che salutarvi ( ci risentiamo ad Essen) e auguravi come al solito Buona Visione….

fairytile

Fairy Tile, il videotutorial

Di Sara “Miss Meeple” Trecate

Fairy Tile ci porta nel mondo delle favole, nel mondo delle storie che ci raccontavano da bambini. Stavolta però saremo protagonisti in prima persona, capaci di cambiare la storia e renderla diversa ogni volta.

Un piazzamento tessere con elementi narrativi, lo si potrebbe definire. I giocatori hanno in mano un mazzo di carte, ovvero le pagine del libro che dovranno leggere, e dovranno realizzare quanto descritto in ogni capitolo creando un paesaggio fantastico sul tavolo e facendo interagire un drago, un cavaliere e una principessa. La carta ci indica quale situazione dobbiamo far accadere (l’incontro di due personaggi, il viaggio di un personaggio…) e quando questa accadrà potremo sfogliare il libro e passare alla pagina successiva.

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD