Miniboard #16: Magic Maze

di Luca”Maledice” Lanara Un gioco curioso questo Magic Maze. Un cooperativo in tempo reale che non lascia spazio agli sbagli. Ecco la nostra impressione sul gioco disponibile a Modena More »

L’oracolo di Delphi, il videotutorial

Di Sara “Miss Meeple” Trecate Stefan Feld abbandona l’insalata di punti e con il recente L’oracolo di Delphi propone una gara per 2-4 giocatori: chi sarà il più veloce a portare a termine More »

My Village, il videotutorial

di Sara “Miss Meeple” Trecate Si torna al villaggio con i coniugi Inka e Markus Brand: dopo il fortunato Village, nel 2015 esce My Village, edito in Italia da Uplay edizioni. Viene More »

V-Commandos, il videotutorial

di Marco “alkyla” Oliva V-Commandos è un gioco cooperativo in cui da 1 a 4 giocatori fanno squadra contro le forze nemiche controllate dal gioco. Ogni giocatore interpreta uno specialista commando. Si More »

Dicecraft: Mechs vs Minions

di Luca”Maledice” Lanara Mechs vs Minions Mechs vs Minions è un gioco full cooperativo (e qui già ci possiamo scordare il cosiddetto Moba, che letteralmente vuol dire Multiplayer Online botte Arena) dove un’orda di More »

 

Miniboard #16: Magic Maze

di Luca”Maledice” Lanara

Un gioco curioso questo Magic Maze. Un cooperativo in tempo reale che non lascia spazio agli sbagli. Ecco la nostra impressione sul gioco disponibile a Modena

DeckScape: l’Escape Room è tascabile! Parola di DV Games

di Federico “Kentervin” DeckScape

Il fenomeno delle Escape Room è in continuo aumento, con associazioni e gruppi in franchising che stanno invadendo a poco a poco le nostre città. Per i pochi che ancora non conoscono l’argomento trattato, un Escape Room prevede che un gruppo di giocatori venga chiuso in una stanza da cui dovranno uscire nel minor tempo possibile ed entro un tempo limite solitamente fissato in un’ora.

DIG, scavatori a 8 bit

di Daniel “Renberche”

L’uso di ricorrere alla grafica versione NES è cosa consolidata nei giochi da tavolo. Sicuramente si cerca di attrarre chi ha avuta la fortuna di divertirsi a perdere gli occhi giocando con questi pixel sgranati stampati sullo schermo del proprio (spesso piccolo) televisore. Nel gioco in questione si tenta la fortuna non tirando dadi, ma pescando carte, nella speranza di raccogliere il maggior numero di gemme, proteggendosi da orchi e ladri, ingaggiando qualche cavaliere o magari un pastore tedesco. Al solito buona lettura!

oracolo di delphi

L’oracolo di Delphi, il videotutorial

Di Sara “Miss Meeple” Trecate

Stefan Feld abbandona l’insalata di punti e con il recente L’oracolo di Delphi propone una gara per 2-4 giocatori: chi sarà il più veloce a portare a termine le 12 imprese volute da Zeus e tornare al cospetto del Dio? Le imprese in cui ci cimenteremo prevedono: combattere 3 mostri, erigere 3 statue, consegnare 3 offerte ad altrettanti templi, costruire 3 santuari.

Il tabellone centrale rappresenta il mare da cui sorge Zeus ed è costellato da isole che dovremo esplorare. Consultando l’oracolo, ovvero tirando 3 dadi con facce di diverso colore dovremo decidere quali azioni svolgere tra cui navigare, caricare statue da erigere e offerte da portare ai templi, costruire santuari e sconfiggere mostri. Il tutto è guidato da uno schema di colori che ritroviamo in ogni elemento del gioco: le azioni vanno selezionate facendo combaciare il colore del dado all’elemento del tabellone con cui vogliamo interagire. Nel corso del gioco, 6 divinità ci aiuteranno con le loro abilità speciali, per svolgere azioni extra, o per migliorare le azioni già a disposizione.

In L’oracolo di Delphi, di cui Cranio Creations ha curato l’edizione italiana, chi per primo riuscirà a compiere tutte le 12 imprese e tornare da Zeus decreterà la fine della partita e sarà il vincitore, se nessun altro, avendo a disposizione lo stesso numero di turni, riuscirà a fare altrettanto.

Il regolamento completo è spiegato nel videotutorial di Miss Meeple:

The Pirate Republic: l’età d’oro dei pirati è arrivata

di Alberto “Doc” The Pirate Republic

Rieccomi, ritorno dopo un po’ di latitanza a raccontarvi cosa ho trovato di interessante in giro per il web. Beh non sono poche le cose che sono successe in questo mese di mia assenza ma direi di partire con quello che sta per concludersi su Kickstarter. Fra quanto ho visto mi sono incuriosito di The Pirate Republic, un titolo che a una settimana dal termine della campagna ha pienamente raggiunto il traguardo fissato. Vediamo meglio di che si tratta.

Alone: il tentacolo Horrible ci mostra la vera paura

di Luca “Maledice” Lanara Alone

Alone è un gioco che intravidi in una fiera della Play e, nonostante non fosse ancora pronto, all’epoca rimasi colpito dal progetto. Sconvolgere i ruoli è davvero una cosa in stile Horrible, che con i suoi titoli ha saputo mischiare bene tante meccaniche originali. Quindi con l’arrivo del kickstarter il 2 Maggio abbiamo bussato alla porta del tentacolo verde in cerca di qualche succosa anteprima. Ecco il risultato…

My village

My Village, il videotutorial

di Sara “Miss Meeple” Trecate

Si torna al villaggio con i coniugi Inka e Markus Brand: dopo il fortunato Village, nel 2015 esce My Village, edito in Italia da Uplay edizioni.

Viene ripresa la tematica, che ci porta a trascorrere una vita campestre tra lavoro manuale, educazione, religione, e ad affrontare di tanto in tanto l’inevitabile morte dei nostri paesani, ma cambiano le meccaniche e la prospettiva.

Stavolta ogni giocatore (da 2 a 4) ha la possibilità di sviluppare un proprio villaggio personale, e il tabellone centrale riporta solo parte delle azioni possibili e il cimitero, che quando sarà riempito, determinerà la fine della partita. Inoltre la selezione delle azioni non è libera, ma  avviene tramite il lancio di un pool di dadi comune, da cui tutti attingeranno per prelevare la coppia di dadi che riporta la cifra necessaria per attivare l’azione desiderata. L’aleatorietà è tenuta a bada dal fatto che c’è sempre qualcosa da fare al villaggio, e vista l’”insalata di punti” che deriva dalle varie aree (religione, consiglio, raccolto, viaggio, produzione, mercato), una soluzione redditizia si trova sempre. Senza considerare che i dadi sono facilmente modificabili spendendo monete o acquistando una carta che permette di cambiare il risultato a piacere.

In una durata contenuta (60-90 minuti) My Village vi presenta uno spaccato di vita paesana, con una grafica accattivante e un gameplay facile da assimilare. Se nella vostra collezione manca Village e amate i dadi, si tratta sicuramente di una buona aggiunta.

Il regolamento completo di My Village è presentato nel video di Miss Meeple:

V-Commandos, il videotutorial

di Marco “alkyla” Oliva

V-Commandos è un gioco cooperativo in cui da 1 a 4 giocatori fanno squadra contro le forze nemiche controllate dal gioco. Ogni giocatore interpreta uno specialista commando. Si può scegliere di giocare su un solo terreno (partita rapida) o un’intera operazione, composta da più obiettivi che devono essere completate attraverso vari terreni.
Ogni turno inizia con un evento che può influenzare i piani dei commandos. Poi ogni commando alternativamente, nell’ordine scelto dai giocatori, esegue 3 azioni nel tentativo di progredire verso verso gli obiettivi di squadra. Infine nuovi rinforzi nemici, giocando secondo le proprie regole, entrano nel terreno, si muovono e attaccano.
I turni di gioco continuano fino all’esito positivo o negativo dell’operazione.

Tutti i dettagli del funzionamento del gioco in questo nuovo videotutorial di TOCCA A TE

dinosaur island

Dinosaur Island: il boardgame per novelli John Hammond

di Daniel “Renberche”

Creare un parco divertimenti dove i visitatori hanno la possibilità di fotografare antiche bestie preistoriche? Che incredibile e originale idea! Commenti alla Canopus a parte, l’idea è un conto, la realizzazione è un’altra, e se la trama ancora oggi riscuote un grande successo perché non proporre un gioco con tale ambientazione? Un po’ casinaro ma lo stesso condito da meccaniche note e apprezzate da noi gamers. Penso che sia abbastanza chiaro di cosa parlerà questo articolo, ma saprà il gioco risvegliare anche in voi la voglia di dinosauri? Buona lettura!

Dicecraft: Mechs vs Minions Finale

di Luca” Maledice” Lanara Mechs vs Minions

Siamo alla resa dei conti. E’ tempo di dedicarsi in pieno a questo Mechs vs Minions scoprendo le fasi più delicate del gioco e scopriremo qualche spunto aggiuntivo degli scenari. Grazie a tutti come al solito per avermi seguito in questo viaggio. Ah dimenticavo di dirvi che il gioco lo si trova in vendita in pre-ordine sul sito della Riot . Grazie e Buona Visione…

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD