Marvel Champions

On the Board #103: Marvel Champions

di Gioconauta | Marvel Champions

“E venne un giorno, come nessun altro, in cui gli eroi più potenti della Terra si unirono contro una minaccia comune. Quello fu il giorno in cui nacquero i Vendicatori, per combattere quelle battaglie che nessun supereroe, da solo, avrebbe mai potuto affrontare.”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Libreria mobile di mezzanotte #7 | Slipgate Chokepoint

di “riivaa” | La libreria mobile di mezzanotte #7 | Slipgate Chokepoint

 

A volte ritornano.

E per farlo passano da un portale interdimensionale, imbracciando un BFG 9000

è giunta l’ora di tornare su Marte, all’Inferno o in un cinema a luci rosse di Los Angeles. Poco importa.

Purché lo facciate in puro spirito anni ’90. Stringendo una matita, un pugno di dadi e una copia di Slipgate Chokepoint.

Doomguys are back in town!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Estratto cover di Bonfire

Bonfire, ovvero Falò e le 120 tessere di Feld

di Daniel “Renberche” | Bonfire

Perché i falò non sono più accesi? Probabilmente è a seguito di una delegazione di gnomi trovati fuori dall’uscio di casa che Stefan Feld si è messo a rimuginare su questo strano problema.  Che risposta avrà dato ai piccoli ma ben impiantati visitatori? Aprite e lo scoprirete, buona lettura!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Heropath: Dragon Roar – Panoramica di gioco


di Alberto “Doc” | Heropath: Dragon Roar – Panoramica di gioco

Uscito vittorioso dalla sua campagna Kickstarter nel febbraio del 2018, Heropath: Dragon Roar è andato in distribuzione alla fine dello stesso anno e lo abbiamo poi visto approdare ad Essen nel 2019 allo stand della Unique Board Games con la scatola base e le sue due espansioni.
Avendo avuto l’occasione di poterlo giocare in diverse delle sue modalità di gioco, andrò ad illustrarvi  le peculiarità del gioco, il suo turno e le sensazioni che mi ha dato anticipandovi solo che la cornice fantasy di questo titolo racchiude un race game in cui ogni giocatore dovrà potenziare al punto giusto il proprio personaggio per arrivare a sconfiggere prima dei suo avversari il Drago che infesta la landa… e il resto lo scoprirete nel sottostante video. Buona visione!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Ventura Battle System: The Fall of the King

Ventura Battle System: The Fall of the King

di Daniel “Renberche” | Ventura Battle System: The Fall of the King

Tra tutte le prigionie della Storia quella di re Enzo è sicuramente una delle più particolari. Sconfitto dopo la battaglia rimase prigioniero a Bologna per più di vent’anni, ricevendo spesso la visita di nobili donzelle, vivendo di fatto in un palazzo, ottenendo infine un solenne tributo al suo funerario con annessa sepoltura nella medesima città. Insomma se avete un impero da rappresentare e non sapete quale Comune sfidare fate un pensiero alla città emiliana, magari perderete ma avrete la pensione garantita. Buona lettura!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Trench Club

Trench Club, unità in gioco per la vittoria!

di Daniel “Renberche” | Trench Club

Uno degli aspetti che caratterizzò e definì la Prima Guerra Mondiale fu l’innovativo uso massiccio dei mezzi corazzati. Usati per spostare le truppe, per distruggere postazioni nemiche, bombardare aree, hanno caratterizzato il conflitto in modo drammatico. E se la Grande Guerra introdusse a pieno questi elementi, un gioco basato su di essi può essere la base per introdurre i giocatori, al più innocuo, passatempo dei wargame. Buona lettura!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Your friend is sad…so let’s play!

di Daniel “Renberche” | Your friend is sad

Quante volte nella vita ci è capitato il difficile ma gradito compito di risollevare il morale di un amico? C’è chi propone la pesca, chi la birra, altri costruiscono muri di cuscini, io in generale propongo una partita ad un gioco da tavola. Buona lettura!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Arkham Noir

Arkham Noir – Caso #1 e Caso #2 – Recensione

di Davide “Canopus” | Arkham Noir

Lockdown o non lockdown, negli ultimi anni i giochi in solitario hanno visto una certa crescita, al punto che ormai è più difficile trovare un titolo senza modalità solitaria che con. Io non sono un gran fan del gioco in solitario, è un rapporto forzato, più dovuto al fatto di dare panoramiche complete nelle recensioni che ad un reale bisogno di giocare da solo. Ma confesso di essere un grande fan di Lovecraft, e diciamocelo, i suoi racconti conditi di follia e orrore sono particolarmente adatti per ispirare avventure da affrontare in solitario contro il gioco. Arkham Noir è in realtà una serie di due titoli (per ora), “Gli omicidi del culto della strega” e “Richiamato dal tuono”, simili tra loro e basati sulla stessa meccanica di set collection di carte, quindi ho deciso di scrivere una recensione unica per entrambi. Ora, solleviamo una questione importante quando si parla di Lovecraft: si sa che i suoi racconti possono essere fonte di ispirazioni per bellissime ambientazioni (un titolo tra tutti Arkham Horror) o utilizzati a sproposito per giochi che non centrano nulla con i Grandi Antichi (qualcuno ricorda Ascensum?). Arkham Noir verso quale estremità dello spettro virerà? Scopriamolo…

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Privacy Policy